Quousque tandem

1. “Fino a quando dunque abuserai della nostra pazienza ? per quanto tempo ancora questa tua follia si prenderà gioco di noi? fino a che punto si spingerà la tua irrefrenata audacia? per nulla ti hanno turbato l’opposizione unanime di tutti i cittadini onesti”, l’inquietudine della gente per la sorte delle istituzioni, l’incertezza del presente e del futuro,

😎 l’instabilità politica che alimenti, l’ignominia di una condanna per reato gravissimo contro lo Stato ed il bene pubblico, pronunciata con sentenza incontrovertibile, l’attesa ineluttabile ratifica da parte del Senato della tua decadenza dalla carica parlamentare? Non ti accorgi che le tue trame sono state scoperte e sono sotto gli occhi di tutti, che i tribunali della repubblica in tre gradi di giudizio ti hanno riconosciuto colpevole di frode fiscale ? Non sei un perseguitato politico, come dici, perché la magistratura ha istruito decine di procedimenti giudiziari nei tuoi confronti. Al contrario, questa pletora di processi, avviati da giudici di procure distinte ed indipendenti, indica senza ombra di dubbio che tanti purtroppo sono i sospetti di tue azioni biasimevoli e disoneste. E’ tuo diritto difenderti dalla accuse nei processi per stabilire l’infondatezza delle accuse e la tua innocenza. Non ti è lecito infangare la persona del giudice nè, ancor peggio, l’istituto della magistratura. La magistratura non trama contro di te, essa compie il proprio dovere istituzionale in difesa della legalità e per i cittadini, in un clima avvelenato che hai creato di intimidazione e di offesa.

2. Che tempi sono questi? Un cittadino è stato giudicato colpevole in terzo grado di giudizio per frode fiscale contro lo Stato. Una legge che egli stesso con la sua privata falange politica ha approvato, prevede l’incompatibilità del pregiudicato con la funzione senatoriale e ne dispone la decadenza dalla carica e l’incandidabilità per un periodo non inferiore a sei anni. E costui si sottrae alla pena, portando come ridicolo pretesto l’incostituzionalità della legge che ha contribuito in modo decisivo a scrivere ed approvare? La sua schiera si stringe a coorte in una difesa inammissibile, mina ogni giorno le fondamenta dello stato di diritto, disposta a trascinare nel baratro le istituzioni ed il paese. E il parlamento vede, balbetta, è incerto, non mancano gli stolti che si affannano ad esplorare e suggerire impercorribili vie d’uscita, salvacondotti, amnistie, grazie. Eppure costui politicamente ancora vive. Vive ? Siede addirittura in Senato, partecipa alla discussione ed impone l’agenda delle decisioni negli affari della repubblica, tiene in ostaggio il governo della nazione, ricatta il parlamento, la sua protervia opprime il presidente della repubblica.

3. Per Dio, in mezzo a quale tipo di gente siamo? In quale nazione viviamo ? quale repubblica abbiamo? Vi sono ministri della repubblica, senatori, deputati che cospirano per la distruzione dello Stato, li vediamo ogni giorno e chiediamo loro pareri su questioni rilevanti per la nazione? Lavoriamo con loro per governare il paese ? Non siamo capaci di allontanare coloro che sarebbe stato necessario fermare sulla soglia del parlamento ? Bisognava che da tempo gli fosse stato impedito di sedere fra i banchi, come un’antica norma imponeva. I suoi avversari politici sono stati deboli e complici per vent’anni, e non avendo dimostrato in origine fermezza nell’applicazione della legge, per convenienza politica, per quieto vivere, per qualche arcano insondabile calcolo, hanno spalancato le porte alla sua relativizzazione. Pu├▓ la legge non essere uguali per tutti ? Il dovere, il senso di giustizia, l’amore per l’Italia, la speranza del futuro, impone ora agli uomini buoni ed onesti di ripristinare l’autorevolezza della legge, di resistere alla pazzia di quest’uomo, per consolidare valorosamente lo Stato di diritto e la democrazia.

4. Non ci sono vie di uscita, non ci possono essere scappatoie, salvacondotti. L’uguaglianza davanti alla legge è un principio cardinale della Costituzione e fondativo per ogni democrazia. Il principio di uguaglianza non è solo un diritto, è anche un dovere. Se non si applica ad un uomo, che dunque diverso, costitutivamente o per mezzi o potere acquisito, sta ÔÇÿsopra’ la legge (o ÔÇÿal di fuori’?), quale tutela vi sarà per tutti gli altri cittadini, e a quali obblighi potranno essere ragionevolmente chiamati ad obbedire? E da chi ? Quale autorità sedicente democratica li potrà obbligare ? Non percepiranno forse i più scaltri ed audaci di essere liberi di seguire i propri egoismi, e gli onesti non si rassegnerebbero al disarmante ed amaro “chi me lo fa fare?”. Non sarebbe la fine della democrazia ? L’affermazione dell’anarchia, la dichiarazione dell’impossibilità della convivenza civile? L’anticamera del sopruso e del prevalere della legge del più forte?

5. Stando così le cose, esci una buona volta dal Parlamento, le porte sono spalancate; vattene! Molteplici ubiquitarie principesche residenze tue aspettano il dominus per nuovi festini. Goditi la vita che il destino ancora ti riserva: ti auguriamo di cuore che sia ancora lunga e felice! Non è l’odio che ci muove. Non lo conosciamo. E porta via con te il manipolo dei tuoi galoppini, se non tutti, il più possibile. Ripulisci il paese. Liberaci da un esiziale infesta presenza. Non puoi più restare in mezzo a noi. Non lo sopporteremo, non lo accetteremo, non lo permetteremo.

6. Abbandona la tattica del rinvio, della dilatazione dei tempi, non resistere, non mettere in pericolo la sopravvivenza della repubblica, non sacrificare il destino di un paese per il tuo orgoglio o peggio ancora per il desiderio di vendetta. La legge è uguale anche per te. Hai già avuto modo di difenderti. Nessun giudice più esaminerà un argomento su cui è già stata pronunciata una sentenza definitiva. Rassegnati. Accetta. Cambia una buona volta codesta tua mente, sei stretto da ogni lato.

7. Così facendo dimenticheremo le barzellette, le olgettine, le igieniste mentali, i romolo e remo, la patonza e la gnocca, la nipote di Mubarak, il bunga bunga, i lavitola, le corna e i cuccù, gli sguardi attoniti dei capi di stato, i risolini complici, l’abbronzatura di Obama, i siparietti. Dimenticheremo gli attacchi violenti alla magistratura comunista cancro della democrazia, le minacce ai giudici, le umiliazioni inflitte alle istituzioni ed agli italiani, le offese agli avversari politici. Scorderemo le leggi ad personam, le leggi salva-qualcuno, i lodi, le Cirielli, le prescrizioni, i processi lunghi, i processi brevi, i legittimi impedimenti, le uveiti, il conflitto di interesse, le bugie, l’editto bulgaro, le “tre i”, il presidente operaio, gli aerei stracolmi e la gente in coda ai ristoranti, il baciamano a Gheddafi, le bandane, i messaggi televisivi urbi et orbi, i proclami, i sogni, i plastici, i caminetti, i camerieri, gli scudi fiscali, i condoni tombali ed edilizi, la quasi bancarotta. Tutto promettiamo di dimenticare.

8. La Repubblica non ha bisogno di te. Non sei stato un principe illuminato. Non c’è niente di meritevole che tu abbia fatto per lo Stato e i cittadini, degno di essere ricordato né da noi né per sempre dalla Storia. Nessuna delle mirabolanti e propagandistiche promesse che non hai mantenuto. Nemmeno la riduzione delle tasse tuo cavallo di battaglia. Le tue sbandierate e sgangherate riforme non hanno determinato un progresso della società civile né il benessere della nazione, non lo sviluppo economico. Il paese è sofferente. Hai negato la speranza nel futuro ai giovani ed ai genitori. Perché vuoi ancora rimanere al potere ? A che giova ? Che beneficio ne avremo ? Non ti sono bastati vent’anni per dimostrare quel che (non) vali?

9. Compi un solo, unico, grande, necessario, estremo, illuminato, degnissimo, onorevole gesto per il quale i cittadini italiani  ti potranno ricordare sempre con gratitudine. Lascia la tua carica senatoriale. Liberaci da questa peste. Libera la moltitudine esausta di sessanta milioni di anime incatenate al tuo individuale destino. Siamo stufi di te.

10. Non accada più che la sorte di un solo uomo metta in pericolo la vita democratica e la sopravvivenza dello Stato.

___

7 settembre 2013, 152° Unità d’Italia, Beretta Roberto Claudio

__________________________________________

politica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>