Mattarella Presidente

Eletto con una maggioranza dei due terzi del Parlamento, il nuovo Presidente della Repubblica si presenta senza ombra di dubbio come il presidente di tutti gli italiani. Dalla parte degli ultimi e di chi ancora spera, secondo la sua prima dichiarazione. E della Repubblica nata dalla Resistenza, data la sua visita alle Fosse Ardeatine, primo gesto in qualità di presidente. Un uomo discreto ed umile come dimostra il suo alloggio e la Panda, schivo, pacato, prudente, di poche anzi pochissime parole, onesto, coerente con i suoi principi, fedele alle istituzioni al punto di dimettersi da ministro quando dovette scegliere se dar fiducia ad un governo che favoriva un privato cittadino violando con una legge ad personam (la prima di una serie) le direttive della comunità europea oppure difendere l’interesse comune e rimanere fedele alle leggi stabilite, garante della Costituzione (chi meglio di lui, giudice costituzionale, potrebbe infatti insegnarla proteggerla e farla applicare ?), padre di una legge elettorale che garantisce rappresentatività a tutti, esempio e baluardo contro la criminalità organizzata perché segnato in prima persona dall’uccisione mafiosa del fratello. Un Presidente della Repubblica siciliano, capace di far cantare l’inno d’Italia per moto spontaneo nel Teatro Massimo di Palermo, capoluogo di una regione a statuto speciale, storicamente caratterizzata da movimenti indipendentisti e spinte autonomistiche. Benvenuto Presidente, vien da dire.┬á

____________________________________

153° Unità d’Italia, 31 gennaio 2015, Beretta Roberto Claudio

_____________________________________________________

attualità

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>