La trombettina

(G. Govoni, Il quaderno dei sogni e delle stelle, 1924) Ci sono oggetti poveri, umili creature, accadimenti ignorati e marginali, che condensano in sé e rendono viva l’essenza di eventi e di fenomeni più grandi e misteriosi. La trombettina, la lucciola, lo sgocciolare della gronda sono in grado di far rivivere attraverso elementi poveri – colori, suoni, luci – la magia della fiera,il fascino bello e spaventoso della bufera, la meravigliosa primavera. Essi sono cassa di risonanza di una realtà superiore terribile e bella, strumenti inconsapevoli che vibrano all’unisono con il tutto di cui sono parte significante e irrinunciabile. Non si può fare a meno di paragonare la trombettina, lo sgocciolare, e la lucciola all’uomo, che è atomo ed immagine della natura e della storia. (r.b.)

LA TROMBETTINA

Ecco che cosa resta

di tutta la magia della fiera:

quella trombettina,

di latta azzurra e verde,

che suona una bambina

camminando, scalza, per i campi.

Ma, in quella nota forzata,

ci son dentro i pagliacci bianchi e rossi,

c’è la banda d’oro rumoroso,

la giostra coi cavalli, l’organo, i lumini.

Come, nel sgocciolare della gronda,

c’è tutto lo spavento della bufera,

la bellezza dei lampi e dell’arcobaleno;

nell’umido cerino d’una lucciola

che si sfa su una foglia di brughiera

tutta la meraviglia della primavera.

  Corrado        Govoni  

__________________________

151° Unità d’Italia, Modena 4 novembre 2012, Beretta Roberto

____________________________________________________

 :roll: poesie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>