Coro di Redù e Saint-Saens

coro di Redù

Camille Saint-Saëns (Parigi, 1835 – Algeri, 1921) bambino prodigio, compositore, pianista e organista di fama, per guadagnarsi da vivere, ricoprì il ruolo di organista nell’ “Eglise de la Madeleine” a Parigi, dal 1857 al 1877, periodo in cui compose la maggior parte delle sue opere religiose. L’oratorio de Noël appartiene a questo periodo, si tratta del primo dei quattro oratori scritti da Saint-Saëns e venne composto dall’autore all’età di 23 anni, nel saint-saens francobollodicembre 1858, giusto in tempo per permetterne la prima esecuzione la notte di Natale dello stesso anno. L’autografo, custodito nella Bibliothèque Nationale di Parigi, porta il titolo di “Oratorio pro nocte nativitatis Christi”. Il tema è quello del mistero del Natale evocato sul piano profetico dell’attesa messianica e su quello teologico dell’incarnazione. I testi sono tratti dalla narrazione del Vangelo secondo Luca, nel quale gli angeli annunciano la nascita del Cristo ai pastori di Betlemme, nonché dai Salmi, da Isaia e dai Vangeli secondo Matteo e Giovanni. L’Oratorio è stato originariamente destinato a un coro di quattro voci miste, quintetto vocale, quintetto d’archi, arpa, e organo. La preziosità dell’opera merita un ascolto integrale. Qui proponiamo l’ascolto del brano “Tollite Hostias”, il cui testo, tratto dal salmo 95(96), versetti 8-13, invita gli uomini a rendere grazie al Signore con doni, e la natura intera ad esultare davanti al Dio che viene sulla terra. (Modena, 18 Ottobre 2011, Beretta Roberto)

play

Il Coro di Redù (Nonantola), diretto da Stefano Moreali, ci fa dunque ascoltare il brano “Tollite hostias” dall’ Oratorio de Noël, registrato all’Abbazia di Nonantola in occasione del Vespero Mariano, 2010, e ci fa pregustare le ormai non molto lontane atmosfere natalizie.

Testo

Tollite hostias,

et adorate Dominum

in atrio sancto eius.

Laetentur coeli,

et exultet terra

a facie Domini,

quoniam venit

Alleluia.

Traduzione

Portate offerte

e adorate il Signore

nel suo atrio santo.

Si rallegrino i cieli

ed esulti la terra

davanti al Signore

che viene.

Alleluia.

Salmo 95(96)

  1. Cantate al Signore un canto nuovo,
    cantate al Signore, uomini di tutta la terra.
  2. Cantate al Signore, benedite il suo nome,
    annunciate di giorno in giorno la sua salvezza.
  3. In mezzo alle genti narrate la sua gloria,
    a tutti i popoli dite le sue meraviglie.
  4. Grande è il Signore e degno di ogni lode,
    terribile sopra tutti gli dei.
  5. Tutti gli dei dei popoli sono un nulla,
    il Signore invece ha fatto i cieli.
  6. Maestà e onore sono davanti a lui,
    forza e splendore nel suo santuario.
  7. Date al Signore, o famiglie dei popoli,
    date al Signore gloria e potenza,
  8. date al Signore la gloria del suo nome.
    Portate offerte ed entrate nei suoi atri,
  9. prostratevi al Signore nel suo atrio santo.
    Tremi davanti a lui tutta la terra.
  10. Dite tra le genti: “Il Signore regna!”.
    E’ stabile il mondo, non potrà vacillare!
    Egli giudica i popoli con rettitudine.
  11. Gioiscano i cieli, esulti la terra,
    risuoni il mare e quanto racchiude;
  12. sia in festa la campagna e quanto contiene,
    acclamino tutti gli alberi della foresta
  13. davanti al Signore che viene:
    sì, egli viene a giudicare la terra;
    giudicherà il mondo con giustizia
    e nella sua fedeltà i popoli.

_______________________

Ringrazio Stefano Moreali, direttore del coro ed il coro stesso, per il materiale che mi ha inviato.

 :roll: torna a MUSICA

Credo altresì di fare cosa gradita pubblicando il seguente invito:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>