Il catalogo delle donne

MADAMINA, IL CATALOGO E’ QUESTO

(W. A. Mozart, Don Giovanni)

Un anno fa moriva il maestro Claudio Abbado. Credeva nella musica quale elemento formativo della persona, di sviluppo della società civile, di unione fra i popoli. Attraverso di essa, e della cultura in ogni sua espressione, il nostro paese poteva (può) guardare con maggiore fiducia al futuro. Fu sempre dalla parte dei più deboli, degli ultimi, dei giovani. Vogliamo ricordarlo con un’aria scherzosa, fra le più famose dell’opera di Mozart, il catalogo delle donne, tratta dal Don Giovanni che egli diresse a Ferrara nel gennaio 1997. Un catalogo metodico, universale, attuale. Una lista di conquiste innumerabili, o di vittime, secondo i punti di vista. A voi giudicare. “… Voi sapete quel che fa …”. Sottotitoli in spagnolo (!). L’aria termina al minuto 32 e 50 secondi.

(Don Giovanni, atto I, scena V, Leporello (Bryn Terfel), Donna Elvira (Anna Caterina Antonacci), Chorus and Chamber Orchestra of Europe, direttore Claudio Abbado, Ferrara, gennaio 1997)

_____________________

Madamina, il catalogo è questo
Delle belle che amò il padron mio;
un catalogo egli è che ho fatt’io;
Osservate, leggete con me.

In Italia seicento e quaranta;
In Alemagna duecento e trentuna;
Cento in Francia, in Turchia novantuna;
Ma in Ispagna son già mille e tre.

V’han fra queste contadine,
Cameriere, cittadine,
V’han contesse, baronesse,
Marchesane, principesse.
E v’han donne d’ogni grado,
D’ogni forma, d’ogni età.

Nella bionda egli ha l’usanza
Di lodar la gentilezza,
Nella bruna la costanza,
Nella bianca la dolcezza.

Vuol d’inverno la grassotta,
Vuol d’estate la magrotta;
è la grande maestosa,
La piccina è ognor vezzosa.

Delle vecchie fa conquista
Pel piacer di porle in lista;
Sua passion predominante
è la giovin principiante.

Non si picca se sia ricca,
Se sia brutta, se sia bella;
Purché porti la gonnella,
Voi sapete quel che fa.

____________________

153° Unità d’Italia, 24 gennaio 2015, Beretta Roberto Claudio

____________________________________________

    :roll: SABATO ALL’OPERA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>