Ave Verum Corpus

Redù, 1 giugno 2013, Vespro del Corpus Domini, Coro di Redù e Corale Santa Margherita di Montefiascone (Viterbo), W. A. Mozart, Mottetto in re maggiore per coro, archi ed organo, K. 618, J. S. Bach, Jesus bleibet meine Freude, dalla cantata BWV 147, W. A. Mozart, Jubilate deo.

vespro, chiesa di redù, 1 giugno 2013

play


Ave verum Corpus è un inno eucaristico, contenuto in un manoscritto risalente al XIV secolo, custodito nell’abbazia di Reichenau, sul lago di Costanza, ed attribuito a papa Innocenzo VI (1352-1362). Il testo ci è pervenuto in quattro varianti. L’inno era cantato nella messa all’elevazione e durante la benedizione del Santo Sacramento. La tesi sostenuta nell’inno è che nell’eucaristia è presente ÔÇÿrealmente’ il corpo di Gesù. Il testo è stato nel tempo musicato da numerosi compositori, ma la versione più celebre, e universalmente conosciuta, è quella di Mozart, il Mottetto in re maggiore per coro, archi ed organo, K.618. Questo breve mottetto è stato redatto dal genio salisburghese poco meno di sei mesi prima della morte, ed è una delle pochissime opere di musica sacra composte negli ultimi anni della sua vita. All’inizio dell’estate 1791, Mozart raggiunge la moglie Constanze, in attesa del loro sesto figlio, a Baden, località termale a pochi chilometri da Vienna, rinomata per le sue acque calde e solforose. All’origine della composizione c’è un debito contratto con l’amico Anton Stoll, maestro di cappella della locale chiesa parrocchiale; Wolfgang compone e dedica all’amico l’Ave Verum, e il mottetto viene eseguito due giorni dopo essere stato composto, appunto nella chiesa parrocchiale di Baden, in occasione della festa del Corpus Domini, il 19 giugno. La commozione che suscita ogni nuovo ascolto dell’Ave Verum di Mozart è riconducibile alla disadorna semplicità espressiva, imposta dalle riforme dell’imperatore Giuseppe II, per il quale la musica sacra doveva essere sobria e di facile comprensione. Così i toni delicati e sommessi, la semplicità e l’immediatezza della composizione, uniti alla solidità del testo latino ed al mistero dell’eucaristia, rapiscono ed incantano ogni ascoltatore di ogni tempo.

_____________

Ave verum Corpus

natum de Maria Virgine,

vere passum, immolatum

in cruce pro homine.

Cujus latus perforatum

unda fluxit et sanguine,

esto nobis pregustatum

in mortis examine.

___________________

Ave, o vero Corpo, nato da Maria Vergine,

che veramente patì e fu immolato sulla croce per l’uomo,

dal cui fianco squarciato sgorgarono acqua e sangue,

fa che noi possiamo gustarti nella suprema prova della morte.

_______________________________________________

152° Unità d’Italia, 17 giugno 2013, Beretta Roberto Claudio

_________________________________________________

 :roll: torna all’indice MUSICA

Fonti:

1) http://en.wikipedia.org

2) http://members.macconnect.com

3) http://tavernolaincanto.altervista.org

4) http://www.flaminioonline.it