Papageno/a

(W. A. Mozart, Il flauto magico)

Papageno è alla ricerca di una donna da amare. E’ buffo, irriverente, fanciullesco, codardo in apparenza, ma di buon cuore e dotato di una certa saggezza. Incontra una vecchina che gli dichiara il suo amore .. una bella sventura converrete. Ma non può proprio accettare perchè il suo cuore è già impegnato, perché egli ama Papagena, la compagna ideale, il sogno della sua vita. Per una attimo la vecchina si mostra per quella che in realta è: Papagena! Il nostro eroe-comico è innamorato cotto.

die zauberflote

Ogni volta però che casualmente la incontra e le rivolge la parola l’amata scompare. Al culmine della disperazione decide di morire, ma fortunatamente, trattenuto dai tre piccoli geni benefici ed invitato a suonare il glockenspiel (carillon) fatato avuto in dono dalle tre dame della Regina della Notte, fra sorpresa incredulità balbettii, l’innamorata riappare, questa volta per sempre, trasformata in una giovane e prosperosa ragazza, simile a lui nella natura e nell’aspetto (ma non in questo allestimento). Non mancano a questo punto le prima scaramucce, addirittura sulle preferenze di genere della futura e prevedibilmente numerosa prole (Papagini o Papagine ?). Ma … in questo caso … omnia vincit amor. Per apprezzare non è necessario sapere il tedesco. I cantanti sono molto espressivi. Le parole si possono facilmente immaginare: in sostanza i due piccioncini tubano come tutti gli innamorati e sognano fra trilli e cinguettii tanti piccoli Papagini/e. Il video parte automaticamente dal richiamo del carillon che precede di poco il duetto, i fanatici invece non si lasceranno sfuggire la visione dell’intera clip (comicissimo e goffo tentativo di suicidio con salvataggio) sulle note di un famoso genio della musica.

___________________________________________

(Il flauto magico, atto II, scena XXIX, Papageno (Simon Keenlyside), Papagena (Ailish Tynan), Orchestra e Coro The Royal Opera House Covent Garden, direttore Colin Davis, Londra, 2003)

Lui: Pa-pa-pa-pa-pa-pa-Papagena!

Lei: Pa-pa-pa-pa-pa-pa-Papageno!

Lui: Ora sei completamente mia?

Lei: Ora sono completamente tua!

Lui: Allora sarai la mia cara mogliettina!

Lei: Allora sarai il piccioncino del mio cuore!

insieme: Come saremo felici se gli dei penseranno a noi, se coroneranno il nostro amore mandandoci alcuni bambini, dei piccoli cari fanciullini!

Lui: Prima un piccolo Papageno!

Lei: Poi una piccola Papagena!

Lui: Poi ancora un Papageno!

Lei: Poi ancora una Papagena!

Lui: Papageno!

Lei: Papagena!

Insieme: Sarà la cosa più bella se molti, molti, molti Pa..Pa..Pa..geno (Pa..Pa..Pa..gena) saranno la felicità dei genitori.

_______________________________

153° Unità d’Italia, 3 gennaio 2015, Beretta Roberto Claudio

_____________________________________________

  😎   SABATO ALL’OPERA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>