Scacco matto

In due mosse il Partito Democratico ha dato scacco matto a sé stesso, ai propri elettori, al paese ed alla governabilità. La confusione regna totale. Dal giorno dopo le primarie una successione di decisioni grottesche culminate nella due giorni presidenziale. Con la mossa Marini, ha cercato un accordo con la destra, senza consultazioni interne, ha ottenuto la spaccatura del partito, quel che resta del centro sinistra, la rivolta della base, senza contare l’inimicizia di uno dei fondatori. Con la mossa Prodi, fatta per compattare il partito, pur sapendoche questi non aveva i numeri necessari per l’elezione e conoscendo l’ostilità della destra nei confronti del professore, ha dimostrato di non essere compatto neanche attorno al suo migliore esponente, umiliandolo con la bocciatura dei franchi tiratori. Seguono dimissioni a catena di segretari ed esponenti del gruppo dirigente. Fine del primo partito italiano. 

Alla prova dei fatti il PD si dimostra incapace di condurre il gioco dell’elezione al Quirinale, ruolo che gli spetta per i numeri che ha in parlamento, quasi sufficienti per sé soli ed indispensabili. Si rivela impotente a proporre ed imporre il nome di un presidente condiviso, confessa ignominiosamente che da solo non ce la fa, è costretto ad elemosinare l’aiuto di altre forze politiche minoritarie. Con ciò perde ogni residua credibilità davanti ai suoi elettori, sbalorditi, da oggi orfani di rappresentanza in Parlamento. L’appello a Napolitano è la definitiva conferma della impotenza del PD a scegliere e governare, ma anche della classe politica nel suo complesso. Speriamo che il Presidente non accetti.

_____________________________

152° Unità d’Italia, 20 aprile 2013, Beretta Roberto Claudio

_______________________________________________

notizie di cronaca

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>