La mafia ci interessa ?

“La situazione ambientale italiana è aggravata da una forte presenza della criminalità organizzata in tutto il territorio nazionale” (*). Eppure la percezione della presenza mafiosa è avvertita solo in alcune zone d’Italia. La percezione di rimanere vittima di un reato di mafia in uno studio effettuato su studenti universitari del nord-est è inferiore al 25% (*). Insomma pensiamo che la mafia al nord non ci sia, e se c’è non condiziona le nostre vite. Tratto dalla cronaca di oggi, “Gazzetta delle Valli – News dalle Valli Lombarde e Trentine” (** link all’articolo di giornale). Treviglio (BG), maxifrode fiscale nel settore dell’edilizia scoperta dalla Guardia di Finanza di Bergamo. Coinvolte sessantasette (67) aziende e ditte individuali del settore dell’edilizia, indagate 79 persone fisiche, contributi INPS e INAIL non versati, ricavi non dichiarati al fisco per 25 milioni di euro, IVA evasa per 3,4 milioni di euro, sequestro di beni e disponibilità finanziarie per oltre otto milioni di euro. Fin qui i fatti riportati dal giornale. Domande. Chi sono dunque le vittime dei reati ? I lavoratori di quelle aziende prima di tutto, a cui non sono stati versati i contributi, e in secondo luogo lo Stato (cioè noi), che è stato derubato di qualche milione di euro. E’ stata condizionata la nostra vita ? Lo Stato infatti (sempre lui) ci chiederà di versare le tasse per l’importo evaso, al posto di questi evasori totali (in alternativa, date le inevitabili e sacrosante proteste, ci sarà qualche medico in meno, qualche posto letto mancante in ospedale, un ventilatore che non c’è, mancherà un vaccino, un insegnante o un poliziotto in meno, eccetera).

(*) fonte: “Ecomafie: quando riciclare non è una virtù”, videoconferenza sull’ecomafia, 9 dicembre 2020

 (**) articolo pubblicato su “Gazzetta delle Valli”

 https://www.gazzettadellevalli.it/cronaca/maxi-frode-fiscale-settore-edilizia-operazione-denunce-sequestri-della-guardia-di-finanza-in-lombardia-301769/

              159° Unità d’Italia 10 dicembre 2020 Beretta Roberto Claudio            

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>