Rita Levi Montalcini

Una vita per la scienza

Rita Levi Montalcini compie oggi 102 anni. La sua vita ha attraversato gran parte dei nostri centocinquant’anni d’ Unità. Una donna coraggiosa tenace indipendente libera. Ebrea, vittima dell’intolleranza del fascismo, fu costretta ad espatriare in Belgio, quando nel 1938 Mussolini fece pubblicare il manifesto per la razza ariana, cui seguirono poco dopo le leggi razziali, che tra l’ altro impedivano la carriera accademica a cittadini non ariani. Tornata in Italia durante la guerra, prima a Torino e poi nell’ astigiano, nel bel mezzo dei bombardamenti alleati, costruisce un suo laboratorio nella camera da letto ed inizia le ricerche nel campo delle neuroscienze cui dedicherà tutta la vita. Avventuroso e drammatico il periodo fiorentino, dove la famiglia si era rifugiata per sfuggire alle deportazioni, nell’ Italia occupata dai tedeschi. Medico in un campo di rifugiati di guerra, avrà modo di confermare la sua vocazione alla ricerca. Scienziata innovatrice, apre una nuova frontiera alla neurologia configurando un sistema nervoso dinamico, che cresce e viene plasmato dalle richieste della periferia, e non più immutabile, come la medicina fino ad allora aveva creduto, una sorta di rivoluzione copernicana del sistema nervoso. Insegna in prestigiose università americane, nel 1986 le viene riconosciuto il premio Nobel per la Medicina, assieme al suo collaboratore e biologo Stanley Cohen, per le ricerche durate un trentennio e la scoperta del Nerve Growth Factor (NGF, fattore di crescita nervoso). Proprie queste ricerche le fanno capire e sostenere che uomini e donne hanno uguali capacità mentali, che le donne hanno un immenso serbatoio di potenzialità. Rita levi Montalcini è una donna che non ha dovuto chiedere mai, che ha creduto tenacemente nelle proprie idee, che ha voluto realizzare ostinatamente nella concretezza del quotidiano, senza aiuti e fra mille difficoltà, è una donna che ha avuto il coraggio di sostenere idee controcorrente di fronte alla comunità scientifica, e che finalmente ha visto il suo lungo sforzo premiato dalla scoperta e dall’ ampliamento delle frontiere della conoscenza e dal riconoscimento della comunità scientifica internazionale. Una donna agguerrita, che ha saputo anche difendere i propri progetti con intelligenza dignità e grande senso delle istituzioni, astenendosi nella votazione in parlamento di un provvedimento, in cui si configurava per lei un conflitto di interessi, che istituiva un taglio di finanziamenti pubblici destinato alla fondazione EBRI, ente di ricerca voluto dalla stessa Montalcini, che venivano invece spostati in favore di altro ente scientifico gravitante nell’ orbita dell’ allora opposizione politica (2006). Ed oltre all’attività scientifica, non dimentichiamone l’ impegno nel sociale: la campagna contro le mine anti-uomo, per la responsabilità degli scienziati verso la società, la prevenzione dei conflitti legati allo sfruttamento delle risorse naturali, l’ attività della Fondazione Levi Montalcini, volta alla formazione dei giovani ricercatori, l’ appoggio ai movimenti del mondo femminile. Ammirabile la sua vitalità centenaria, la forza di carattere, la determinazione, l’ altruismo. Generosa e disinteressata nel donare parte del premio Nobel alla comunità ebraica per la costruzione di una nuova sinagoga a Roma, benché si dichiari atea.

Buon compleanno.

Modena, 22 Aprile 2011

Campolongo Enza

Rita Levi Montalcini

 

Il messaggio che invio, e credo anche più importante di quello scientifico, è di affrontare la vita con totale disinteresse alla propria persona, e con la massima attenzione verso il mondo che ci circonda, sia quello inanimato che quello dei viventi. Questo, ritengo, è stato il mio unico merito. Io dico ai giovani: non pensate a voi stessi, pensate agli altri. Pensate al futuro che vi aspetta, pensate a quello che potete fare, e non temete niente. Non temete le difficoltà: io ne ho passate molte, e le ho attraversate senza paura, con totale indifferenza alla mia persona.”

(Rita Levi Montalcini)

La foto in questo articolo è della “Presidenza della Repubblica”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>