Go trivella go

La bozza del decreto Milleproroghe presentata all’esame del Consiglio dei Ministri di questa sera non contiene lo stop alla ricerca e coltivazione di idrocarburi su tutto il territorio nazionale. La notizia, anticipata dal Sole 24 ore, è stata data al TG3 delle ore 19. La bozza originale del decreto prevedeva il divieto «di nuovi permessi di prospezione o di ricerca ovvero di nuove concessioni di coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi» in tutta Italia, inoltre il Ministero dello Sviluppo Economico, si leggeva nella bozza, “rigetta” le nuove domande mentre le concessioni in essere, comprese quelle già prorogate, non potranno più andare oltre l’attuale data di scadenza.

Stando così le cose, potrebbero riprendere le perforazione di terre e mari italiani alla ricerca di gas e petrolio. Una brutta partenza per il green deal italiano. Come si può pensare di raggiungere la riduzione del 50% dell’emissione di gas serra entro il 2030 (fra 10 anni !) e la neutralità climatica nel 2050 se si consente ancora di cercare nuovi giacimenti petroliferi? Perché spendere i soldi del Next Generation EU per un energia pulita e in un industria ecosostenibile da una parte e contemporaneamente favorire la ricerca di idrocarburi?  Cosa ce ne facciamo di nuovi giacimenti se non dovremo non potremo e non vogliamo più usare la materia che estraiamo ? Che senso logico ha ? Qualcuno azzarda una risposta ? Si pensa di salvare capre e cavoli? I guadagni delle aziende petrolifere e gli impegni presi con l’UE. Si inquinerà da un’altra parte. La somma algebrica è sempre zero. Chi paga è sempre il pianeta. L’Italia si mette la zavorra, si conferma incerta ed incapace di proiettarsi nel mondo di domani, di pianificare un futuro alle nuove generazioni. (r.b.)

              159° Unità d’Italia 23 dicembre 2020 Beretta Roberto Claudio          

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>