I mezzi di comunicazione

Fronte Democratico Popolare e Democrazia Cristiana polarizzano la campagna, grazie anche al ruolo dei mezzi di comunicazione. Il Corriere della Sera giustifica i blocchi in quanto necessari per semplificare l’ offerta politica ai non iniziati alle vicende politiche; altri giornali che in un primo momento hanno sostenuto l’ opzione di una terza via, si convertono alle proposte elettorali effettivamente in campo e supportano la democrazia cristiana quale partito di governo; ancora il Corriere vede non più una questione di partito “ma qualcosa di più alto e diverso, di più impegnativo: una vera e propria guerra di religione che vede di fronte due opposte concezioni della vita”.

La stampa è contraria alle sinistre, i principali quotidiani di informazione sono tutti favorevoli alla Democrazia Cristiana ed a De Gasperi. Lo sviluppo del sistema di informazione, cinema e radio, insieme ai manifesti prodotti dai partiti e distribuiti capillarmente dai militanti, rendono possibile una campagna elettorale a dimensione nazionale articolata sui discorsi dei leader, sulle decisioni del governo, sulle grandi manifestazioni. Tuttavia, militanti e simpatizzanti di una parte politica leggono ed ascoltano quasi solo informazione prodotta e diffusa da organi e strumenti controllati dalla medesima parte. La cultura socialcomunista e quella cattolica non hanno punti di scambio e di contatto.

fine del capitolo undici

  :roll:  Le elezioni del 1948

_______________________

151° Unità d’Italia, Modena 11 giugno 2012 , Beretta Roberto

________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>