Operazione Libertà

L’ex-senatore Sergio De Gregorio sostiene davanti ai magistrati di aver ricevuto tre milioni di euro dall’allora capo dell’opposizione, come compenso per azioni di sabotaggio, sono parole sue, contro il governo presieduto dal professor Romano Prodi, al fine di determinare la caduta dell’ esecutivo. Cosa che effettivamente si verific├▓ in una drammatica seduta parlamentare grazie al voto contrario dell’aula del Senato, in cui furono determinanti i voti del De Gregorio stesso, di Lamberto Dini e di Mastella, passati all’opposizione, oltre alla provvidenziale assenza (manovrata anche questa?) del senatore della circoscrizione estero on. Pallaro. I fatti risalgono alla precedente legislatura, la XV, aprile 2006-08, 👿 nella quale la maggioranza parlamentare di centrosinistra aveva al Senato un margine di soli due senatori, tanto da diventare determinante per la sopravvivenza del governo il ruolo della sparuta pattuglia dei senatori a vita. Il De Gregorio, eletto senatore nelle liste dell’Italia dei Valori, avrebbe ricevuto in successivi pagamenti un totale di tre milioni di euro per passare nelle file dell’opposizione di centrodestra, la qualcosa egli fece ufficialmente nel febbraio 2007 con voto di sfiducia al governo Prodi. Le “operazioni di sabotaggio”, dopo un primo periodo di rodaggio consistente in azioni di disturbo in Commissione Difesa, presieduta dal De Gregorio stesso, eletto presidente con i voti della destra, divennero più incisive con i tentativi di corruzione di altri parlamentari della maggioranza considerati “indecisi”, affinchè cambiassero casacca mediante offerte di denaro, quantificabili in milioni di euro, e culminarono infine con il voto di sfiducia al governo Prodi il 24 gennaio 2008. Non ci interessano le motivazioni che hanno spinto l’ex-parlamentare a vuotare il sacco, siano esse determinate dalla coscienza, il desiderio di cambiare vita, come egli afferma, o dalla smania di vendetta per la mancata rielezione eventualmente richiesta. Ci sgomenta invece il comprendere che, qualora i fatti denunciati saranno in futuro provati dalla magistratura, saremmo di fronte ad una vicenda di una gravità inaudita per la vita democratica e la libertà delle nostre istituzioni.

Un individuo, grazie all’ampia disponibilità di denaro che ha nelle sue mani, è stato (ed è tuttora) in grado di influenzare in maniera decisiva i lavori dell’assemblea parlamentare liberamente eletta dal popolo italiano, e del governo da essa sostenuto, al punto di poterne determinarne la decadenza con la corruzione. Il parlamento è stato manovrato ed umiliato da un singolo individuo per propri fini ed al servizio di esclusivi interessi, e la volontà popolare è stata resa nulla con l’inganno. Il voto popolare e i destini scelti dal paese sono stati cancellati dalla compravendita di alcuni senatori. Sappiamo che il voto di scambio è una pratica condannabile e diffusa a tutte le latitudini, pericolo e cancro per la democrazia poiché altera alle radici la libera formazione delle assemblee rappresentative. Tuttavia quando la compravendita dei rappresentanti dei cittadini, è condotta dal capo dell’opposizione allo scopo di prendere dolosamente il posto del capo del governo, nelle aule del Parlamento della Repubblica, in tali proporzioni, con pagamenti camuffati da finanziamenti a partiti esistenti solo sulla carta o addirittura in nero, con l’intermediazione di loschi faccendieri, spacciando alla nazione, con capovolgimento della realtà, l’azione corruttiva come “operazione libertà”, e il popolo viene ingannato e considerato strumento irrilevante dinnanzi allo strapotere di un uomo solo, allora quest’atto corruttivo diventa un reato gravissimo contro la sovranità popolare e la Costituzione. Il destino del paese liberamente scelto dagli italiani è stato cambiato da un potente proprietario di mezzi sproporzionati. Purtroppo niente potrà mai compensare i cittadini per lo sfregio inferto alla loro sovranità nè tantomeno ripagarli dei danni subiti dall’intero paese.

__________________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 2 marzo 2013, Beretta Roberto Claudio

______________________________________________________

Attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>