Il gozzo

Il piroscafo con la banda di Pisacane in navigazione verso il golfo di Policastro non è solo sul mare questa notte. Il giudice regio Michele Mazzocolo ha tentato ripetutamente di mandare un rapporto, redatto in gran fretta, per la real piazza di Gaeta, dove risiede la corte reale, annunciante gli straordinari avvenimenti del giorno, l’evasione dei detenuti, la destinazione del Cagliari. I congiurati, che avevano fin da subito affondato la scorridora e requisito le barche dei pescatori, pattugliavano diligentemente il porto e la costa vicina, per impedire che qualche imbarcazione potesse fuggire dall’isola e dare l’allarme. Più fortuna di lui ebbe don Vitiello, il parroco di Ponza, ed il capurbano, Crescenzo Colonna.Questi, insieme ad alcuni alti ufficiali e a pochi relegati politici dissenzienti e scettici, avevano trovato rifugio al crepuscolo nelle campagne, sottraendosi alla confusione, al disordine ed ai possibili maltrattamenti dei detenuti evasi. Fu forse la paura di essere uccisi, forse il senso del dovere, o una ragionata ed illusoria speranza di ricompense e favori futuri, a spingere questo gruppo eterogeneo a scrivere un dispaccio per dare l’allarme, e ad inviare una staffetta a Le Forne, il villaggio di pescatori che sta a settentrione col suo porticciolo, all’altro estremo dell’isola, per reperire un’imbarcazione e uomini robusti, che recassero immediatamente e il più velocemente possibile la missiva al posto di polizia di Gaeta.

Nel cuore della notte, quando il Cagliari è ormai stato da tempo inghiottito dalle tenebre e dall’indistinguibile orizzonte, un piccolo legno, dalle estremità aguzze, un gozzo, con quattro coppie di marinai agli scalmi, scivola solitario nelle buie acque del porticciolo alla punta settentrionale dell’isola. Nel silenzio della notte stellata e senza luna, odi lo sciacquio del mare contro la barca, lo sciabordio delle pale, il cigolio dei legni fra le caviglie degli scalmi, il comando ritmico del nocchiero. Gesti e suoni millenari. Il pensiero corre agli avvenimenti del giorno. E all’incredibile missione affidata ad umili ed ignoti sudditi di re Ferdinando. Piegati dallo sforzo sugli scalmi e dall’angoscia, quei pescatori comprendono che la salvezza del Re e del Regno, è appesa solo alla forza e alla resistenza di sedici muscolose braccia brunite. Sono in silenzio. Ogni attimo è decisivo. Sessanta miglia li separano da Gaeta. Fra sedici ore potranno dare l’allarme. Prima che il Cagliari giunga a Sapri.

> fine del 9° episodio <

< trecento giovani e forti <   > la spiaggia dell’Oliveto >

 :roll: la spedizione di Sapri

______________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 17 maggio 2012, Beretta Roberto

____________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>