Melchiorre Gioia

Melchiorre Gioia nacque a Piacenza il 20 settembre 1767, morì a Milano il 2 gennaio 1829. Studioso di politica, filosofia, diritto ed economia, statistica, fu autore di numerosissime opere. Partecipò attivamente alla vita politica del suo tempo. Dalle colonne de “Il Monitore Italiano”, giornale da lui fondato nel 1798, e tra le cui firme spiccava quella prestigiosa di Ugo Foscolo, egli si fece portavoce delle aspirazioni libertarie italiane. Sostenne l’idea di un’ Italia libera, repubblicana, retta da istituzioni democratiche, indivisibile per vincoli geografici, linguistici, storici e culturali.


Fu più volte arrestato dalla polizia austriaca per le sue idee giacobine. Nel dicembre del 1820, con l’accusa di aver cospirato contro l’ Austria mediante l’affiliazione ad una setta carbonara, fu rinchiuso nel carcere milanese di Santa Margherita, con altri patrioti, fra cui Silvio Pellico, che gli dedicò un commosso ricordo ne “Le mie prigioni”. Fu nominato storiografo della Repubblica Cisalpina. Il suo interesse per l’ economia, la matematica, e la statistica, considerata come importante strumento di raccolta e classificazione dei fatti, gli valsero la nomina alla direzione dell’ ufficio di statistica. Si occupò anche di medicina legale, anticipando il concetto della riduzione della capacità lavorativa specifica e del rispettivo adeguato risarcimento (è nota la sua regola del calzolaio”). Di Melchiorre Gioia ricordiamo infine i testi sul Galateo, scritti per contribuire alla civilizzazione delle genti cisalpine. Egli considerava il galateo l’arte che attraverso la procura della propria ed altrui stima avrebbe portato felicità e pace sociale.

 ______________________

“Ah! Mi sovvenne con tenerezza di te, o Melchiorre Gioia, e dei passi precipitati ch’io ti vedeva muovere su e giù fra quelle strette pareti, e delle ore che stavi immobile al tavolino scrivendo i tuoi nobili pensieri, e dei cenni che mi facevi col fazzoletto, e della mestizia con cui mi guardavi, quando il farmi cenni ti fu vietato!” Da Silvio Pellico, “Le mie prigioni”, cap XCVI.

_____________________

Modena, 16 giugno 2011

Beretta Roberto

______________

 :roll: RISORGIMENTO

 :roll:  strade italiane

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>