Il carro della vittoria

(I Prestiti Nazionali del governo italiano nel corso del primo conflitto mondiale, Davide Tonicello)

4. Molto significativa per concludere questa breve rassegna sui Prestiti Nazionali è la celebre caricatura: il Carro della Vittoria. 😐 Pubblicata a guerra finita, nel 1919, ideata da Giuseppe Scalarini, famoso disegnatore caricaturista dell’epoca, riassume efficacemente il drammatico risultato degli anni di guerra. L’Italia vittoriosa è seduta in una carrozzella, ha delle protesi al posto di gambe e braccia, tra le braccia ha una corona di fiori per i 507.193 morti (i caduti furono in realtà poco più di 650.000). Le sue ali, fatte da fasci di stampelle, ricordano le altre cifre della Vittoria: 984.000 feriti, 120.000 invalidi, 74.620 mutilati, 26.000 tubercolotici, 23.000 ciechi, 3.260 muti, 6.740 sordi, 4.060 pazzi, 19.600 neuropatici.

fine.

< 3. Quinto Prestito <  

__________________

152° Unità d’Italia, 28 ottobre 2013, Davide Tonicello

_____________________________________

storia

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>