Addio Monti

Il Presidente del Consiglio Mario Monti si è dimesso ieri sera 21 dicembre solstizio d’inverno. Si conclude l’esperienza del governo dei tecnici, creato tredici mesi fa dal genio e dalla tenacia istituzionale del Presidente della Repubblica, con il compito di evitare la bancarotta e restaurare la dignità delle istituzioni. Monti aveva promesso rigore, sviluppo ed equità. Con lacrime e sangue dei cittadini il primo obbiettivo è stato centrato. Con l’aumento della tassazione (IMU), l’aumento della vita lavorativa (età pensionabile a 67 anni), i tagli alla spesa pubblica (spending review), oltre all’introduzione del pareggio di bilancio in Costituzione. Ora i conti sembrano essere al sicuro – ma il debito pubblico continua a salire -, lo spread è tornato a livelli precrisi, l’Italia ha recuperato la credibilità perduta sul piano internazionale, e massime in Europa, dove ha recuperato la centralità ed è tornata protagonista, ruolo che ben merita essendo socio fondatore dell’unione, sul fronte finanziario, economico e soprattutto politico. Non altrettanto concreti sono stati i risultati sul fronte dello sviluppo. Bisognerà aspettare l’efficacia dei provvedimenti presi? Intanto non si sono creati posti di lavoro in maniera significativa, molte fabbriche hanno chiuso, la disoccupazione è cresciuta, specie quella giovanile, e sui giovani il presidente aveva puntato molto, il pil continua a diminuire. Quanto all’equità il governo, è riuscito per ora a colpire significativamente le fasce più deboli, lavoratori dipendenti e pensionati, poveri ma numerosi, riversando su di esse il maggior onere del risanamento, vedi ad esempio l’IMU sulla prima casa, l’aumento dell’età pensionistica, o il caos degli esodati. Si è impegnato a fondo, è vero, sulla lotta all’evasione fiscale, cercando di controbilanciare colpendo altre classi sociali privilegiate, insistendo nella comunicazione che l’evasione fiscale è reato e danneggi gli onesti. I risultati però non sono stati tali da riuscire a ridurre la tassazione sui meno abbienti, nonostante un goffo annuncio poi non concretizzatosi. Un governo che ha balbettato su molte importanti questioni, succube dei poteri forti od organizzati, partiti politici, parlamentari, clero, giornalisti, tassisti, avvocati, banchieri, medici. Un esecutivo non in grado di assumere quelle decisioni che erano potenzialmente nel suo dna, a causa della mancanza di autonomia politica, costretto al ribasso dalle pressioni e dal ricatto dei partiti della strana maggioranza che lo sosteneva. Sono esempi la legge anticorruzione, che è un pannicello caldo se non addirittura una regressione in qualche caso, come pure una presa per i fondelli è il decreto sulla incandidabilità approvato in extremis, un voltafaccia la proroga alla società per il ponte di Messina, le esenzioni alla chiesa sull’IMU, la mancata abolizione delle province (ma qui c’era quasi riuscito). Stretto dai legacci e dai lacciuoli dei partiti politici e dei poteri forti, il governo non ha potuto probabilmente fare di più, pur volendolo. Del resto le tanto attese riforme costituzionali quali la riduzione del numero dei parlamentari, la riscrittura della legge elettorale, la riduzione delle indennità parlamentari, l’introduzione del limite di mandato, non erano nell’agenda del governo e non si può attribuire a Monti se questi provvedimenti non sono stati presi in esame. Certamente uno dei maggiori meriti del governo dei tecnici è stato il cambiamento di stile, la sobrietà del professore, un’ aria nuova di alacre operosità, di discussione serena dei problemi al fine di trovare una soluzione nell’interesse del paese, l’aver ridato dignità ed autorevolezza alle istituzioni, fiducia nello Stato, identità nazionale. Insomma abbiamo sentito che qualcuno pensava finalmente ai nostri problemi, e ce la stava mettendo tutta nell’affrontarli e per risolverli. E così il paese ha capito la gravità del momento, ha fatto consapevolmente dei sacrifici, pur con qualche mugugno, sapendo che erano necessari, e che questa era la via per risorgere. Ci siamo illusi. La bella parentesi di lavoro è già finita, il padrone e i suoi servi sono tornati. Ci aspetta il ritorno ai nauseabondi tempi delle barzellette e delle olgettine, delle corna e dei cuccù, dei romolo e dei remolo, delle patonze e della gnocca, delle nipoti di Mubarak, del dileggio internazionale, degli slogan vuoti, degli attacchi alla magistratura ed ai comunisti, delle offese ai cittadini ed agli avversari politici, delle leggi ad personam e ‘ad partitum’, dell’assalto ai soldi pubblici, del conflitto di interesse, della corruzione, delle bugie, degli editti bulgari, dell’umiliazione e della distruzione sistematica delle istituzioni dello Stato. Povera nostra Italia! Schiava ed ostaggio di un giullare venditore di tappeti plurindagato pluriprescritto pluricondannato analfabeta della democrazia. Animo! Monti ha concluso la sua missione. I sacrifici sono alle spalle, i ristoranti sono pieni, oggi torna il carnevale.

______________________

151° Unità d’Italia, Modena 22 dicembre 2012, Beretta Roberto

___________________________________________________

Attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>