L’Italia ├¿ una e indivisibile

Questa volta il nostro Presidente della Repubblica è andato giù un po’ duro, con un intervento sacrosanto determinato ed improrogabile,┬ádai toni a volte sarcastici e denso di riferimenti minacciosi, ha ricordato ai cittadini italiani che egli non pu├▓ ulteriormente tollerare di sentir parlare di secessione.┬áNapolitano ha parlato con grande coraggio, facendo sentire alla nazione di esser il garante della Costituzione, guida e difensore strenuo dello Stato. Non ha usato giri di parole e, al contrario di altre autorità in altri campi, è stato esplicito nell’indicare i destinatari delle sue esternazioni.

┬áLe sue parole possono essere così riassunte: invocare la secessione è fuori dalla storia e rappresenta un attentato alla Costituzione che verrà perseguito senza indugio dallo Stato qualora si passasse dalle parole gridate sui prati ad atti preparatori.

Nel dettaglio, egli ha detto: 1) la padania non esiste, 2) non esiste un popolo padano, 3) è grottesco immaginare uno stato lombardoveneto in concorrenza con gli emergenti colossi economici su scala globale, 4) non è contemplata una via democratica alla secessione, 5) le scomposte grida di secessione che si levano sui prati non sono pronunciate da un popolo padano, ma da un corpo elettorale di cittadini con scarsa consapevolezza dell’articolo 1 della Costituzione ([“la sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”],┬á6) che lo Stato italiano non esiterebbe ad intervenire quando dalle parole si dovesse passare ad atti preparatori, cosa che avvenne nel 1945 nei confronti di un leader indipendentista siciliano che fu arrestato ed imprigionato.

Il presidente della Repubblica già in precedenti occasioni non aveva mancato di far sentire la sua voce, quando per esempio ammonì che la secessione dall’Italia è fuori dalla storia, o, in altra occasione, di essere fortemente contrario al trasferimento dei ministeri al nord in quanto contrari al dettato della Costituzione. Evidentemente comincia ad averne piene le tasche di certi discorsi, e ritiene che debba spendere in prima persona la sua autorità di Capo dello Stato per evitare una pericolosa deriva. Che purtroppo non trova adeguata opposizione nelle sedi istituzionali, e cioè nell’esecutivo complice, che usa la stampella leghista per mantenere il potere e nel Parlamento di nominati prono ai voleri dell’esecutivo, né trova ostacolo fra i partiti di governo per convenienza politica, e nemmeno fra i partiti e gli esponenti dell’opposizione (salvo poche eccezioni) miopi e sordi al punto da non vedere e non sentire il bisogno incoercibile ed ardente che sale dai cittadini di conservare e potenziare l’unità del paese, che hanno partecipato entusiasticamente ed al di là delle aspettative alle celebrazioni del 150°, che hanno fatto sentire la loro voce con i referendum di giugno, alle amministrative, ed ancora, notizia di queste ultime ore, il bisogno di partecipazione diretta alla vita politica del paese, con una adesione incredibile alla raccolta di firme per l’abrogazione del porcellum.

┬áQuanto infine ai ministri della Repubblica Italiana sedicenti secessionisti e padani, bisogna ricordar loro che da anni occupano le odiate istituzioni dello Stato da cui┬ávogliono separarsi; il quale Stato hanno giurato, proditoriamente,┬ádi servire nel suo interesse esclusivo.┬áSi possono servire due padroni┬á? Cosa aspettano a tornare coerentemente in padania ? Ah, sì, evidentemente nemmeno loro sanno dove si trova.

Meno male che Giorgio c’è.

__________________________

Modena, 1 ottobre 2011,

Beretta Roberto

_________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>