Nel cuore umano

(Pascoli, Myricae, 4 ª edizione, 1897) Non dividiamo gli uomini con spirito manicheo in buoni e cattivi, senza ammettere sfumature. Il bene ed il male non sono precisamente separabili nella persona umana. Verità che dimentichiamo spesso ma che molti poeti hanno cantato, come Pascoli in questi versi, o Guccini in Canzone quasi d’amore “siamo cattivi e buoni”, o infine De Andrè nella sua Via del Campo “dal letame nascono i fior”. Non giudichiamo sbrigativamente gli uomini, e non meravigliamoci se una persona buona può sfoderare acutamente, come un pungiglione, un impulso cattivo, né che una persona che reputiamo malvagia ci consoli, mostrando di tanto in tanto il suo lato buono. (r.b.)

NEL CUORE UMANO

Non ammirare, se in un cuor non basso,

cui tu rivolga a prova, un pungiglione

senti improvviso: c’è sotto ogni sasso

lo scorpine.

Non ammirare, se in un cuor concesso

al male, senti a quando a quando un grido

buono, un palpito santo: ogni cipresso

porta il suo nido.

 Giovanni    Pascoli 

__________________

Parafrasi: Non meravigliarti, se mettendo alla prova un cuore buono, senti improvvisamente un pungiglione: sotto ogni sasso aspettati uno scorpione. Non meravigliarti se in un cuore incline al male, senti di tanto in tanto una voce buona: ogni cipresso (simbolo della morte) ha il suo nido.

____________________

Modena, 18 dicembre 2011, Beretta Roberto

______________________________

 :roll:   poesie

< Il mio paese è l’Italia (Quasimodo)<—->Natale (Ungaretti)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>