Petrolio a Genova !

Centinaia di metri cubi di petrolio sono fuoriusciti da una tubazione di una raffineria in valle Scrivia. Il greggio si è riversato nel torrente Polcevera e poi nelle acque del mar Ligure. L’incidente si è verificato domenica 17 (ironia della sorte c’era il referendum). I vigili del fuoco hanno poi bloccato il greggio con delle barriere a cento metri dalla foce del torrente. Analizziamo cosa può fare un tubo rotto, se ci passa dentro del petrolio.

Il torrente Polcevera in caso di piogge abbondanti esonda regolarmente (sono previste piogge abbondanti per i prossimi giorni). Speriamo che ci sia il sole (anche i metereologi possono sbagliare).

L’aria, divenuta irrespirabile per il lezzo nauseabondo, costringe la gente a circolare con mascherine e fazzoletti premuti sul volto. Un bimbo viene portato in ospedale perché si è sentito male per le esalazioni (dalla cronaca). Una pensionata sviene dopo essere uscita di casa per alcuni minuti. (idem).

Ruspe scavano un fosso per fermare il petrolio. Una schiuma speciale viene gettata in acqua per ridurre il rischio di incendi. I pompieri invitano i cittadini a non uscire di casa (ecco perché a Genova non hanno raggiunto il Quorum !). Tecnici specializzati separano il greggio dall’acqua. Terminata l’operazione, il liquame sarà aspirato ed inizierà la bonifica ambientale su una zona (per giunta) di pregio ambientale.

La magistratura apre un indagine per disastro colposo: l’impianto è sotto sequestro (i lavoratori perderanno il posto di lavoro). La procura affida le indagini all’Agenzia per la protezione dell’ambiente ligure ed incarica 10 (dieci) tecnici divisi in tre squadre per effettuare sopralluoghi sul punto della perdita, stabilire le cause, e i danni ambientali (chiudere la stalla dopo che i buoi sono scappati). Avvocati sono al lavoro per vedere se ci sono le condizioni per chiedere i danni alla ditta (campa cavallo).

Un elicottero della Capitaneria di Porto sorvola la zona (altra CO2 in atmosfera).

I politici sono come sempre al lavoro. Il sindaco di Genova punta il dito contro la raffineria e chiede i danni. Contemporaneamente è in contatto con il ministro dell’ambiente per decidere percorsi per chiedere i fondi necessari all’importante opera di bonifica (tanti auguri). Il governatore Toti si appella al governo ed intende chiedere lo stato di emergenza perché l’ambiente ha subito un danno molto serio. Nel frattempo si accontenta di chiedere l’intervento della protezione civile.

L’Enpa (Ente nazionale protezione animali) di Genova soccorre decine di anatre, aironi, papere, germani, oche. Volontari presidiano la zona alla ricerca di animali in difficoltà. Ventisette germani reali completamente coperti di greggio ed incapaci di volare sono stati soccorsi. Morie di pesci sono segnalate alla foce del Polcevera. Le rane non sembrano stare meglio.

L’azienda sanitaria locale predispone un centro di informazione mobile con personale medico addestrato a rispondere ai quesiti di carattere sanitario posti dai cittadini e consigliare misure di prevenzione. E’ in corso monitoraggio della qualità dell’aria e delle esalazioni di petrolio. Il sindaco tranquillizza ma viene contestato, i vigili urbani intervengono per riportare la calma. Il WWF si costituirà parte civile nel processo che forse si farà per disastro colposo. Eccetera eccetera.

A questo punto sorge spontanea una domanda. Visto tutto sto’ casino per un tubo che si rompe, perché i genovesi con il petrolio in casa (e gli italiani in generale) sono stati tanto stupidi da non andare domenica a votare al referendum? Non era forse meglio mettere un paio di pannelli solari sul tetto di casa, un sì su una scheda (o un no, perché almeno ci hai pensato), e poi via tutti al mare, con tanti saluti alle compagnie petrolifere?

_________________________________________

155° Unità d’Italia, 20 aprile 2016, Beretta Roberto Claudio

__________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>