Libertá identitá indipendenza

(breve storia del tricolore in onore alla giornata nazionale della bandiera ricorrente ogni 7 gennaio)

3. LIBERTA’ IDENTITA’ INDIPENDENZA

Il tricolore della Repubblica Cispadana fu ereditato dalla Repubblica Cisalpina, istituita da Napoleone Bonaparte nel giugno del medesimo anno sul modello istituzionale francese. Le bande orizzontali diventano verticali e la bandiera appare quasi identica all’attuale tricolore. Troppo simile al vessillo francese, il tricolore a bande verticali fu modificato quando la Cisalpina lasciò il posto alla Repubblica Italiana (1802-1805) e poi al Regno d’Italia (1805-1814), i tre colori disposti in quadrati concentrici rosso e verde con un terzo centrale bianco ruotato di novanta gradi (trasformati rispettivamente in rettangoli e in rombo in quella del Regno d’Italia, che mostrava in più l’aquila imperiale sul campo verde). Alla caduta di Napoleone vari reparti italiani non vollero consegnare le loro bandiere ai vincitori austriaci, preferendo bruciarle e conservare le ceneri. Il tricolore verticale riapparve nei moti patriottici del 1821 in Piemonte ed in quelli del 31 negli stati dell’Italia centrale. Proibitissimo dai governi, il tricolore diventò simbolo di libertà, di identità nazionale, di indipendenza.

puntate precedenti

1. Milano, Piazza del Duomo, 6 novembre 1796

2. Perchè Tricolore ?

3. Libertà Identità Indipendenza

prossima pubblicazione (9 gennaio)

4. Porta Vittoria

___________________________________

153° Unità d’Italia, 7 gennaio 2015, Beretta Roberto Claudio

___________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>