Novembre

(Giovanni Pascoli, Mirycae, 1891)

Gémmea l’aria, il sole così chiaro
Che tu ricerchi gli albicocchi in fiore,
e del prunalbo l’odorino amaro
senti nel cuore.

Ma secco è il pruno, e le stecchite piante
Di nere trame segnano il sereno,
e vuoto il cielo, e cavo al piè sonante
sembra il terreno.

Silenzio, intorno: solo, alle ventate,
odi lontano da giardini ed orti,
di foglie un cader fragile. E’ l’estate,
fredda, dei morti.

 Giovanni     Pascoli 

_________________________

La natura è capace di far nascere in noi anche in una fredda giornata autunnale, silenziosa, vuota, inanimata, greve di simboli di morte, un irresistibile desiderio e pulsione di vita. Una poesia in bilico fra l’ammirazione estatica dell’energia vitale della natura che si manifesta nell’armonia e nella bellezza, e la delusione segnata dal richiamo alla realtà ed alla fragilità della natura umana. Un contrasto costante nella poetica pascoliana. (r.b).

____________________________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 25 novembre 2012, Beretta Roberto

_____________________________________________________

 :roll: poesie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>