I poveri

Sono tanti. Li incontro sotto il portico del Collegio, al Caffè Concerto, alla porta San Gimignano che guarda la Ghirlandina, in piazza Grande, lungo i portici di Canal Chiaro. Si riconoscono per minimi indizi, un movimento appena accennato, un passo avviato nella giusta direzione, uno sguardo che tradisce le possibilità di successo. Mi vengono incontro. Giovani per lo più, immigrati senza lavoro, ma anche padri di famiglia. Cerco di indovinare la loro storia. Cosa li spinge a chiedere l’elemosina. Non deve essere┬ástato facile vincere le resistenze. Quest’uomo, ben curato e dagli abiti ancora puliti, che mi si rivolge educatamente è stato sfrattato perché non è più in grado di pagare l’affitto. Un’altro ha gli occhi abbassati, si vergogna, forse oggi è la prima volta che chiede, spinto dalla fame, ma è ancora orgoglioso e non riesce a rinunciare alla sua dignità. Non c’è rassegnazione, ma voglia di combattere, di reagire alla cattiva sorte, si tratta solo di una caduta imprevista, ci si rialza subito. Un ghanese dal paletò informe stracciato e sporco è già qualche giorno che dorme in stazione. Tende la mano ed implora. Ha fame. Ne avverto la disperazione. Non c’è più speranza di riscatto. Non si rialzerà più. Andrà a gonfiare la pletora dei condannati ad essere poveri di professione. Sconfitti.

Alcuni si sono miracolosamente adattati a una vita randagia, altri più tragicamente scivolano giorno dopo giorno verso l’annientamento di ogni parvenza di vita umana e verso il nulla. Costituiscono insieme un universo variegato e spesso mal tollerato. Noi ricchi o benestanti o semplicemente non poveri, spesso non amiamo vederci attorniati da diseredati, emarginati ed accattoni. Ci vengono troppe domande che sarebbe meglio evitare. Meglio credere che dei finti poveri ci rubano tanti soldi con l’imbroglio sfruttando l’ingenuità, e qualcuno ce n’è senza dubbio e ci riesce perbacco. Oppure è meglio guardare dall’altra parte tout court, per non vedere.

Così li trovo in questo inverno seduti sul gelido lastricato dei portici, solo di tanto in tanto un diaframma di cartone o un giornale o un panno li separa dalla nuda pietra. Accovacciati, a gambe incrociate, in ginocchio, prostrati, su un fianco, arrovesciati, la schiena appoggiata al muro, il capo abbandonato sul petto, o anche in piedi, tendenti un piattino, una scatola, un sottovaso, un bicchiere di plastica, un barattolo di vetro, un cappello, la mano, le mani, supplicanti, muti, dormienti, sorridenti, inchinanti, supplicanti, ostentanti, mutilati, zoppi, storpi, ciechi, invalidi, veri, falsi, puerpere allattanti al seno, bimbi infagottati, cartoncini quadrati, rettangolari, telegrafici slogan scritti a pennarello “sono povero senza lavoro ho fame grazie”, o in italiano incerto “ho fame sono povero con tre bambini senza lavoro senza casa dormire la strada grazie”, imbroglioni, accattoni, barboni, zingari, nomadi, marocchini, africani, extracomunitari, mendicanti, diseredati, poveri, sfruttati, vecchine rugose, bambini sudici, mani sporche, unghie nere, capelli arruffati, nodosi, barbe lunghe, incolte, vestiti sporchi stracciati inadeguati alla stagione, gonne ampie e foulard colorati, cani nelle stesse pose del padrone, gatti, madonnari, mimi, musicanti, chitarristi, flautisti, violinisti, clarinettisti, fisarmonicisti, sassofonisti, trombettieri, custodie degli strumenti aperte, monetine sul velluto verde.

“Sono povero senza lavoro ho fame grazie”. Non faccio domande. Né ho giudizi da dare. Non ho sensi di colpa. Nelle tasche tengo sempre qualche moneta. E nel cuore uno sguardo, l’accenno di un sorriso, una parola, un po’ di calore per l’occasione. Poco o niente. Lascio al municipio, alla comunità, alle associazioni di volontariato il lavoro più duro. Chi può giudicare, giudichi. “Quando Signore ti abbiamo visto affamato e non ti abbiamo dato da mangiare, assetato e non ti abbiamo dato da bere, ignudo e …”.

 ____________________

151° Unità d’Italia, Modena, 15 febbraio 2012, Beretta Roberto

___________________________________________________

Liberamente ispirato al racconto “I poveri”, martedì 29 novembre, Cuore, E. De Amicis

___________________________

Leggi il racconto su wikisource, clicca qui sotto:

http://it.wikisource.org/wiki/Cuore/Novembre/I_poveri

 :roll:  CUORE 150°

< il cavaliere di Adro <  > il bidello Ambrogio >

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>