Bando

(Sergio Corazzini, 1806-1907, Libro per la sera della domenica, 1906)

Avanti! Si accendano i lumi

nelle sale della mia reggia!

Signori! Ha principio la vendita

delle mie idee.

Avanti! Chi le vuole?

Idee originali

a prezzi normali.

Io vendo perché voglio

raggomitolarmi al sole

come un gatto a dormire

 fino alla consumazione

de’ secoli! Avanti! L’occasione

è favorevole. Signori,

non ve ne andate, non ve ne andate;

vendo a così poco prezzo!

Diventerete celebri

con pochi denari.

Pensate: l’occasione è favorevole!

Non si ripeterà.

Oh! non abbiate timore di offendermi

con un’offerta irrisoria!

Che m’importa della gloria!

E non badate, Dio mio, non badate

troppo alla mia voce

piangevole!

 Sergio     Corazzini 

Qualche volta la durezza della vita contrappone ostacoli insuperabili alla volontà di realizzazione delle nostre idee, e tali difficoltà sembrano respingere tutti i nostri sforzi ed annullare ogni prospettiva futura. Così viene voglia di gettare la spugna e di ritirarsi malinconicamente sconfitti sulle nostre personali isole deserte, protettivi surrogati del grembo materno, lasciando che altri proseguano sulla strada che a noi viene negata. Corazzini, poeta crepuscolare, piegato in giovane età dalla tubercolosi, aveva certamente buoni motivi per rassegnarsi a considerare irrealizzabili le sue idee nella vita presente e per desiderare in iperbole di raggomitolarsi al sole come un gatto e dormire per sempre, tuttavia chi di noi, benchè afflitto da problemi men gravi, davanti all’insuccesso non sogna di … (r.b)

__________________________

151° Unità d’Italia, Modena 2 dicembre 2012, Beretta Roberto

___________________________________________________

 :roll: poesie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>