Dell’ olio di palma

Da dicembre anche l’Italia si è allineata alla normativa europea che obbliga di specificare sulla confezione gli oli vegetali contenuti nei prodotti alimentari. Consumo consapevole. E così curiosando sulle etichette di dolci e prodotti da forno e patatine, si scopre che tutte contengono olio di palma. La fortuna dell’olio di palma presso le aziende alimentari sembra essere dovuta al basso costo, al sapore neutro che non altera il gusto dei cibi, alla facilità di lavorazione. Siamo dunque stati resi consapevoli che l’olio di palma è ubiquitario nei dolci e nei prodotti da forno dell’industria alimentare. Quello di cui non si pu├▓ (o non si deve?) prendere consapevolezza, perchè non è scritto (e non deve essere scritto) sull’etichetta è invece che:

1) l’olio di palma è il maggiore responsabile della deforestazione nel sudest asiatico (Malesia ed Indonesia), 2) per creare le coltivazioni delle palme vengono bruciate estese superfici di foresta pluviale,┬á3) così facendo sono a rischio di estinzione specie animali, 4) e scompare la biodiversità, 5) il legno che brucia negli incendi produce anidride carbonica, (l’Indonesia è il terzo emettitore mondiale), responsabile dell’effetto serra e del riscaldamento del pianeta, 👿 i cui effetti nefasti abbiamo cominciato a conoscere di persona (alluvioni, trombe d’aria, siccità, incendi, stagioni impazzite …),┬á5) dal punto di vista nutrizionale l’olio di palma, che contiene acidi grassi saturi a catena lunga, è poco consigliabile per la sua aterogenicità, fattore predisponente per le malattie cardiovascolari.┬áForse le case si allagano perché mangiamo merendine all’olio di palma? Si pu├▓ fare qualcosa per spezzare il nesso causale? Se proviamo a percorre gli scaffali del supermercato ci rendiamo conto quanto sia difficile trovare prodotti alternativi che non lo contengano. Altrettanto scoraggiante leggere le etichette delle confezioni che abbiamo in casa, aiuto, c’è anche la Nutella! In assenza di qualsiasi provvedimento legislativo che penalizzi l’uso dell’olio di palma, a vantaggio di altri ingredienti meno dannosi per la salute e per il pianeta, rimane solo l’acquisizione di consapevolezza e l’assunzione di responsabilità individuale. I governi infatti possono modificare tranquillamente la Costituzione dato che è cosa dei cittadini e nessuno vi si oppone, ma non hanno la forza di mettersi di traverso all’industria agroalimentare. Dalla Carta di Milano dell’Expo non c’è da aspettarsi che si andrà al di là delle pie intenzioni.┬áNon resta che fare opera di informazione e di sensibilizzazione, diventare consapevoli che il nostro futuro e soprattutto quello dei nostri figli passa per il rispetto e la salvaguardia del pianeta, continuare a cercare senza scoraggiarsi prodotti alternativi, fare qualche piccola rinuncia, produrre in casa. Credere che l’autonomia assoluta dei mercati non è un dogma di fede, e fare pressioni sui governi affinchè adottino politiche economiche coraggiose per il bene comune. Si abbia il coraggio di dire: ognuno NON è libero di acquistare ci├▓ che preferisce, quando mette in pericolo la sopravvivenza della Terra e dei suoi abitanti. Il profitto non sia il fine ultimo della nostra specie, né la causa della sua fine.

_________________________

153° Unità d’Italia, 9 febbraio 2015, Beretta Roberto Claudio

____________________________________________

ambiente

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>