Fides

(Giovanni Pascoli, Myricae, 1891)

Il bambino si addormenta sognando un giardino tutto d’oro, lassù in cielo, nel paradiso, che la mamma gli ha affettuosamente dipinto, davanti al fiammeggiante tramonto che inonda di luce il cipresso, facendolo somigliare ad oro zecchino. Mentre il bimbo dorme sereno nel suo lettino, cullato dal sogno, all’esterno della casa la bufera scuote il cipresso, che si torce e cigola contro le raffiche di vento. E’ il mondo reale che pietosamente la mamma ha nascosto al figlio. Solo nell’illusione e nel sogno l’uomo può trovare serenità e pace. (r.b.)

FIDES

Quando brillava il vespero vermiglio,

e il cipresso pareva oro, oro fino,

la madre disse al piccoletto figlio:

Così fatto è lassù tutto un giardino.

.

Il bimbo dorme, e sogna i rami d’oro,

gli alberi d’oro, le foreste d’oro;

mentre il cipresso nella notte nera

scagliasi al vento, piange alla bufera.

_____________

Giovanni         Pascoli

____________________

Modena, 27 novembre 2011, Beretta Roberto

 :roll:   poesie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>