Apologia del terrorismo

Il terrorismo è l’ideologia inconcludente dell’odio, l’atto di ribellione di chi non ha identità, è la rabbia dell’escluso dal benessere, la vendetta dell’emarginato, la frustrazione del perdente. Il terrorismo è disperazione. Il terrorismo è l’atto distruttore di chi non ha nulla. La bandiera del terrorismo è nera. Il terrorismo è morte. Il terrorismo è disumano. Il terrorismo è fondamentalista. Non è una religione. Non c’è nessun Dio che comanda di uccidere. Dio non uccide. Dio è forza creatrice. Il terrorismo uccide dovunque, chiunque, indistintamente, uomini e donne di ogni età, di ogni censo, di ogni nazionalità, di ogni etnia, cristiani, musulmani, innocenti, bambini. Poiché è forza distruttrice e non sa costruire, il terrorismo non ha futuro. Il terrorismo è sterile. Il terrorismo è inutile. Il terrorismo è odioso, inconcludente, inutile. Il terrorismo muore nel momento stesso in cui si realizza. Il terrorismo scomparirà nel nulla da cui è venuto.

_______________________________

155° Unità d’Italia, 23 marzo 2016, Beretta Roberto Claudio

_________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>