Orazio Augias e l’individuo

ORAZIO AUGIAS E L’INDIVIDUO. Sunt certi denique fines quos ultra citraque nequit consistere rectum. Traducendo con una certa libertà, ci sono dei limiti al di là e al di qua dei quali non può esistere il giusto. E’ la citazione di Orazio con cui Augias ha concluso le sue argomentazioni alla restituzione della legion d’onore, avendo compreso in quale brutta compagnia si è venuto ad un certo punto a trovare. Decisione nobile e coerente con le proprie idee, che ne dimostra la statura morale.

Mi domando se mediamente noi saremmo in grado di operare una tale scelta. Non di scegliere in sé, o di cosa scegliere, il che aprirebbe un altro capitolo, ma di distinguere i due termini della questione. In altre parole, la scelta presuppone in questo caso la capacità di percepire quale sia il comportamento retto e quale non lo è. Sappiamo ancora percepire cos’è giusto e distinguere il “finis”, il confine, la linea di separazione oltre la quale il giusto non è? Sappiamo ancora riconoscere il bene, e distinguere il bene dal male ?

Ora, non si può negare che la nostra società è modellata sull’ individuo. L’individuo è il paradigma assoluto. Ogni attività è asservita alla sua piena espressione. In questa rappresentazione diventa auspicabile e giustificabile ogni cosa o idea che renda possibile la piena realizzazione dell’individuo ed il libero esercizio della sua volontà. Il fine giustifica i mezzi. Dunque è giusto quanto desideriamo, è giusto tutto ciò che ci rende felici. E’giusto il principio di piacere di freudiana memoria. In questa dimensione ogni intervento che si frappone alla felicità dell’individuo comunque ottenuta è di converso condannabile. Si possono trovare infiniti esempi anche nella cronaca di questi giorni. Ogni sistema di regole, ogni struttura regolatoria esterna all’individuo, sia essa politica, amministrativa, scientifica, religiosa, pedagogica, viene sistematicamente contestata, se ancora riconosciuta, ed ogni evento o fenomeno naturale sottovalutato minimizzato rimosso se non addirittura paradossalmente negato.

L’individuo a-etico è costantemente impegnato nel soddisfacimento quotidiano di ogni suo bisogno, proprio o elicitato. Agitato da una bulimia che non ha riguardo né del prossimo che gli sta accanto nè della comunità che lo accoglie né del pianeta che lo sostiene.

        159° Unità d’Italia 14 dicembre 2020 Beretta Roberto Claudio        

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>