Pisacane il socialista

Gli anni successivi al turbolento 48 furono dedicati da Pisacane all’analisi della sconfitta ed alla maturazione di nuove strategie. Scrisse il saggio Guerra combattuta in Italia negli anni 1848-49 ed il successivo Saggi storici politici militari sull’Italia, quattro volumi pubblicati postumi nel 60. In essi Pisacane, con idee invero originali, indicava la mancanza del contributo delle masse popolari quale fattore di debolezza delle forze rivoluzionarie italiane e causa del fallimento delle insurrezioni. In contrasto con Mazzini, che immaginava un cambiamento tout-court della forma di governo, Pisacane sosteneva che l’unificazione italiana doveva conseguire al miglioramento delle condizioni di vita dei ceti popolari ed all’eliminazione delle disuguaglianze sociali. L’unificazione doveva scaturire dalla rivoluzione sociale che sarebbe seguita alla riforma agraria, la quale si realizzava con la concessione delle terre dei proprietari terrieri ai contadini. Egli sosteneva che il popolo è mosso dai bisogni materiali prima ancora che dagli ideali: “L’Italia trionferà quando il contadino cambierà spontaneamente la marra con il fucile”. Infatti, solo dopo aver liberato il popolo dalle sue necessità materiali si può istruirlo ed educarlo per condurlo alla rivoluzione.

Per queste idee Pisacane viene oggi considerato un antesignano del socialismo se non addirittura un anarchico. A ciascuno deve essere garantito il frutto del suo lavoro, ogni altra proprietà deve essere considerata e punita come un furto. Potremmo riassumere questo suo pensiero con lo slogan “la terra a chi la lavora”. Scopo ultimo della rivoluzione è l’abolizione della proprietà privata e del principio di autorità. Le fabbriche e i terreni agricoli appartengono alla collettività. La sovranità un diritto di natura inalienabile e non delegabile, che risiede nell’intera nazione. Come si vede c’era poco spazio per i regnanti. Ecco infatti le sue testuali parole: “la dominazione della casa Savoia e la dominazione della casa d’Austria sono precisamente la stessa cosa” e “il regime costituzionale del Piemonte è più nocivo all’Italia di quello che lo sia la tirannia di Ferdinando II”. In sostanza: unificare l’Italia sotto il regno di Vittorio Emanuele significava semplicemente cambiare padrone e forma di governo. La rivoluzione che sognava Pisacane era invece una rivoluzione sociale.

fine quarto capitolo

_______________

151° Unità d’Italia, Modena, 2 febbraio 2012, Beretta Roberto

____________________________________________________

clicca per leggere gli altri capitoli su Pisacane:

1) Carlo Pisacane

2) Il ribelle

3) Pisacane a Roma

4) Pisacane il socialista (questo articolo)

5) La rivolta di Milano

6) Una rivoluzione per il Sud

 :roll: RISORGIMENTO

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>