Responsabilitá magistrati

RESPONSABILITA’ CIVILE DEI MAGISTRATI.

E’ legge. Il cittadino che si sentirà vittima di malagiustizia potrà far causa allo Stato, che a sua volta chiederà i danni al magistrato, se ritenuto colpevole di colpa grave. Il giudice risponderà in solido della negligenza fino a metà del suo stipendio annuale. Qui non è in discussione il fatto che il giudice non debba rispondere degli errori, questo avviene già. Tuttavia la mancanza di controlli preliminari sui ricorsi avrà conseguenze molto gravi. La magistratura perde in questo modo la sua indipendenza, elemento essenziale dell’ordinamento giudiziario, per diventare bersaglio di qualunque cittadino che pensa di aver subito un torto dal giudice. Il giudice non sarà più libero di decidere serenamente e liberamente, ma avrà sulla testa nel suo agire la spada di Damocle della denuncia. Pur di rimuovere quella spada per quieto vivere rinuncerà inevitabilmente alla sua libertà di giudizio. Sarà timido nell’amministrare la giustizia. Sarà intimorito e debole contro i più forti. Nella speranza di risarcimenti facili si moltiplicheranno le denunce, come già avviene con progressione impressionante contro i medici, alimentate da campagne pubblicitarie che fanno facile leva su una diffusa e ingiustificata percezione di malasanità. 👿 Come per la classe medica si genererà un clima di sfiducia nei confronti della magistratura, l’autorevolezza della giustizia sarà azzerata, le sentenze diventeranno opinabili ed impugnabili. Un giudice lasciato solo, abbandonato dallo Stato, sarà un giudice demotivato, timoroso, manipolabile, disaffezionato, non più desideroso di servire uno Stato esigente e minaccioso, che non lo difende né lo supporta, ma che al contrario incoraggia e premia chi non accetta le sue sentenze o semplicemente pensa di guadagnare qualche soldino. Stiamo sereni! Godiamoci questa vittoria. Oggi se ne va un altro pezzo di Stato. In futuro avremo una giustizia subalterna al potere dei cittadini più furbi e più forti.

_______________________

153° Unità d’Italia, 25 febbraio 2015, Beretta Roberto Claudio

____________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>