Una botta da orbo

Oggi mio papà ne ha combinata un’ altra delle sue. Sul presto, per evitare le file, siamo andati al supermercato. Lì, nel far manovra per il parcheggio, un rumore secco, improvviso, … pam … istante di sospensione … porc .. bip … Mio papà predica sempre che non bisogna dire le parolacce, ma qualche volta senza volerlo gliene scappano pure a lui. A parte che questa, mi ha poi detto a casa per giustificarsi, non sarebbe propriamente una parolaccia, perché intanto è stata una importante città dell’ antichità che ha ispirato un capolavoro ad un grande poeta, e poi avrebbe lo stesso significato di escort, che è una parola che si può senz’ altro dire,
perché si riferisce ad una bella e giovane ragazza che fa delle cenette e dei balletti con gente un po’ in là con gli anni e con tanti soldi in tasca in cambio di qualche bel regalino.

Dopo un attimo di smarrimento mio padre, preso finalmente il coraggio di scendere dalla macchina, è andato dietro a guardare. Bella botta. Rotto il fanale (dell’altra macchina) e paraurti rientrato con carrozzeria ammaccata (sempre dell’ altra macchina). bip. Avanti e indietro, nuova ispezione. A me in verità sembrava che il danno nel frattempo non fosse minimamente mutato, né in meglio né in peggio. bipbip, (parolaccia lievemente diversa ma di ugual riferimento). Avanti e indietro, nuova ispezione. Alla fine anche lui si è convinto che le cose non sarebbero cambiate, anche a voler aspettare un secolo, e rassegnato all’ evidenza si è seduto in auto, ha preso un post-it dal cassetto del cruscotto. Lo vedevo pallido e le mani gli tremavano mentre ci scriveva sopra il suo nome indirizzo numero di telefono e-mail. Ha incollato il biglietto sul parabrezza sotto il tergicristallo della macchina ammaccata. Si è affacciato poi alla nostra, mi sorrideva: era tornato il sereno.

Di ritorno dal supermercato, ripreso il controllo della situazione, naturalmente mi ha fatto il solito predicozzo, che non è giusto che altri debbano soffrire per i nostri sbagli, e che perciò bisogna porvi rimedio, che bisogna avere il coraggio delle proprie azioni, essere sempre leali e addirittura che bisogna collaborare con le autorità, che non fanno paura a chi opera il bene, ma a chi opera il male, eccetera eccetera. Ma non poteva tenere gli occhi aperti e stare più sveglio che ci risparmiavamo un bel po’ di soldi?

 :roll:   CUORE 150°

Arturo

Modena, 11 maggio 2011

Liberamente ispirato al racconto “Una palla di neve”, dicembre 16 venerdì, Cuore, E. De Amicis

____________________________________________________________________

Leggi il racconto su wikisource, clicca qui sotto:

http://it.wikisource.org/wiki/Cuore/Dicembre/Una_palla_di_neve

Cuore torna mercoledì prossimo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>