Il cancro da estirpare

Il 9 maggio 1978 Aldo Moro veniva barbaramente ucciso e l’ attacco brigatista, con la strage della scorta nella capitale e l’ uccisione di uno dei maggiori uomini di Stato e leader politici italiani, giungeva al cuore dello Stato. La stagione delle stragi, iniziata nel dicembre 1969 con Piazza Fontana, cui seguirono Piazza della Loggia a Brescia, la strage del treno Italicus e della Stazione di Bologna, culminata negli anni di piombo del terrorismo brigatista, insanguinò il paese e minacciò pericolosamente lo Stato e la democrazia italiana.

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è intervenuto al Quirinale alla celebrazione del giorno della memoria, in ricordo delle vittime del terrorismo e delle stragismo. Nel suo discorso egli ha posto l’ accento sulla drammaticità della stagione terroristica e sul grave attacco sferrato alle istituzioni democratiche, sul modo in cui lo Stato ha reagito e vinto la battaglia nel rispetto della Costituzione e dello Stato di diritto, e ciò grazie alla forza morale ed alla responsabilità civile di cittadini e servitori dello stato di ogni ordine e professione, con particolare menzione alla magistratura, ed ai magistrati caduti, ha ricordato tutte le vittime, ha infine osservato come il superamento di quella drammatica prova abbia portato ad un rafforzamento dello spirito di unità, della coscienza nazionale e delle risorse morali del paese.

Nel suo intervento il presidente della repubblica osserva che la stagione del terrorismo è stata la prova più dura e drammatica sostenuta dal nostro paese nei decenni della storia repubblicana. Il terrorismo è stato sconfitto grazie alla statura morale, al senso del dovere, all’impegno nel lavoro e nella vita civile di cittadini e servitori dello Stato di ogni professione e condizione: avvocati, uomini politici, medici, magistrati, uomini della Polizia di Stato, carabinieri, cittadini prescelti come giurati che non si lasciarono intimidire.

Napolitano ha specialmente ricordato l’ opera della magistratura. I magistrati applicarono la legge con compostezza e serenità, come chi ha di fronte non nemici od avversari da sconfiggere, ma cittadini imputati da giudicare. I loro nomi, i loro volti, le loro storie, le loro parole sono più forti dei dissennati manifesti comparsi nella città dove operarono e furono uccisi i giudici Galli ed Alessandrini. Il loro sacrificio deve essere ricordato per poter parlare responsabilmente della ed alla magistratura, nella consapevolezza dell’ onore che ad essa deve essere reso.

Ancora il presidente sottolinea che inestimabile gratitudine è dovuta a quanti hanno pagato con la vita, e che va riconosciuto il merito di coloro che hanno contrastato la minaccia del terrorismo. Quella battaglia fu vinta in nome e nel rispetto della Costituzione e dello Stato di diritto. Quella prova aspra e cruda fu superata dall’ Italia unita, che ne uscì rafforzata nella coscienza nazionale, nelle sue istituzioni repubblicane, nelle sue risorse morali.

Modena, 9 maggio 2011

Beretta Roberto

__________________________________________________________________

Il testo dell’ intervento del Presidente della Repubblica alla celebrazione del “Giorno della Memoria” dedicato alle vittime del terrorismo il 9 maggio 2011 al Quirinale, è disponibile presso il sito ufficiale della Presidenza della Repubblica:

http://www.quirinale.it/elementi/Continua.aspx?tipo=Discorso&key=2180

_______________________________________________________________________

L’ elenco delle vittime del terrorismo è consultabile sul sito dell’ Associazione Italiana Vittime del Terrorismo e dell’ eversione contro l’ ordinamento costituzionale dello stato (AIVITER):

http://www.vittimeterrorismo.it/memorie/elenco_vit.htm

___________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>