La propaganda del fatto

“Eran trecento, eran giovani e forti, e sono morti”.

Così è impresso indelebilmente nella memoria risorgimentale collettiva il ricordo delle gesta dei patrioti della sfortunata spedizione di Sapri, cantata negli epici e fortunati versi del Mercantini, poeta e giornalista contemporaneo di Pisacane. Nell’ammirazione semplice ed ingenua della spigolatrice di Sapri, il condottiero della spedizione diventa l’eroe leggendario che aveva cercato di liberare il Regno delle Due Sicilie dalla dominazione borbonica, schierandosi dalla parte degli strati sociali più deboli, facendo leva sul riscatto sociale delle masse contadine oppresse, che doveva essere anteposto all’ideale politico dell’unificazione.

Spedizione tragica nella sua conclusione quanto audace ed impossibile nell’ideazione e nella riuscita, avventurosa e temeraria nella conduzione sul campo. Specchio che riflette fedelmente la personalità del condottiero protagonista: grande idealista, ispiratore di idee socialiste, uomo coraggioso, testardo, temerario, tenace, inflessibile, coerente, convinto dell’ideale del sacrificio senza speranza di premio, convinto anzi che il solo premio possa consistere nell’approvazione della propria coscienza e nella solidarietà dei compagni, nonchè nell’esemplarità delle proprie azioni davanti a tutta l’Italia, che trarrebbe perciò motivo di gloria per aver essa prodotto figli capaci di cotanti atti eroici. Carlo Pisacane non attende l’approvazione di tutti per intraprendere l’impresa rivoluzionaria. E’ un avanguardista. Sostiene la “propaganda del fatto” contrapposta alla “propaganda delle idee”. Le azioni concrete, e la moltiplicazione dei fatti concreti – cospirazioni, complotti, tentativi di insurrezione -, aprono la strada al raggiungimento dello scopo finale, l’unità d’Italia: la propaganda generata dai fatti delle Cinque Giornate di Milano “è molto più efficace che mille volumi scritti dai dottrinari”. L’azione avanguardistica genera l’insurrezione. Si intravede anche il desiderio di superare l’attesismo e le trattative diplomatiche, giudicate insufficienti allo scopo dell’unificazione. Un cittadino poi, che voglia essere utile al suo paese, deve semplicemente attendere pazientemente il giorno in cui potrà cooperare ad una rivoluzione materiale. Si riconosce nei suoi scritti la volontà di impegnarsi fisicamente ed in prima persona nell’azione e per chi è coerente con il proprio ideale, l’impossibilità di sottrarsi al proprio destino, rinunciando anche alla vita. Ma per comprendere l’azione apparentemente insensata e suicida di Sapri, ci sono molti altri importanti elementi da considerare, e di questi parleremo giovedì prossimo.

fine primo capitolo

___________________________________________

151° Unità d’Italia, Modena, 12 gennaio 2012, Beretta Roberto

_______________________________________________

> Il ribelle >

 :roll: Carlo Pisacane

 :roll: RISORGIMENTO

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>