Il Lhotse

amadablam

Il tremolio vivido della candela traspare dalla tenda rosso porpora piantata al campo alto sulla parete a poche centinaia di metri dalla vetta del Lhotse. La quarta montagna più alta del mondo.

Il freddo è glaciale. La luce gelida del tramonto lascia lo spazio del cielo alle nitide stelle nascenti ed alla notte nera. Protetti dalla tenda, io e Marco controlliamo minuziosamente per l’ultima volta l’equipaggiamento. Tutto deve essere perfetto. Fra poche ore, alla luce dell’aurora, attaccheremo il canalone terminale, per l’ultimo balzo fino alla vetta. Il tempo è magnifico. Le nostre rade parole, trepidanti tradiscono la felicità per la meta vicina. Ci sorprendiamo perfino in qualche battuta di spirito. Domani si compirà il sogno. Marco ora fa sciogliere la neve nel pentolino sul fornello, preparando infaticabile gavette con buste di cibo liofilizzato e tazze di tè bollente che rinsaldano lo spirito. Il vento gelido fa fremere la tenda e ne scuote la tela. Assieme al tintinnio metallico dei supporti, è l’unico suono che udiamo. Il tempo si è come cristallizzato con la sostanza di ghiaccio della montagna.

Si odono invocazioni disperate nelle notte. Un alpinista inglese che discende dalla vetta appena conquistata, stremato, slegato dai compagni, scivola sul ghiaccio e precipita lungo il pendio nevoso. Si ferma esanime duecento metri sotto le tende del campo. Gli uomini escono dai loro rifugi. Si scambiano sguardi senza dire parole. La cima della montagna è appena sopra di loro. Mesi di preparativi, allenamenti, sacrifici, rinunce, per salire il gigante himalayano. Tentare di salvare quel ragazzo è rinunciare alla vetta. Nessuno si muove. Istanti interminabili. Il Lhotse o Jenson. Ottomilacinquecentosedici metri o diciannove anni. Afferro gli scarponi. Le lacrime scendono mentre serro i ramponi. Bevo un’ultima tazza di tè. Poi giù nel nero abisso, l’urlo del vento ed il freddo glaciale della notte stellata soli compagni.

Jenson è disteso immobile su un cumulo di neve arrossata. Gli indumenti bagnati. Trema. Lasciami morire. Ha perso un rampone. Non può avanzare sul ghiaccio. Devo caricarlo sulle spalle. Risalgo la montagna, puntando al campo, non ho l’ossigeno, sulle spalle un uomo ferito e morente.

Il riparo della tenda ed il calore del sacco a pelo e di generose tazze di tè. Io e Marco che frizioniamo per tutta la notte. All’alba recuperiamo dalle altre tende alcune bombole d’ ossigeno per Jenson. Scenderà con i suoi compagni di cordata al campo base.

Adesso attacchiamo la cima. Pochi metri per capire che oggi non giro. Lo sforzo del salvataggio a questa quota senza ossigeno è stato estremo. Sono esausto. Guardo sconfitto Marco. Vai da solo alla vetta. Io non riesco più a salire.

Gli applausi della platea mi riscuotono. Il presidente di una delle maggiori associazione alpinistiche mondiali in piedi al mio fianco sorride e mi tende il prestigioso premio che viene assegnato agli alpinisti che si distinguono in imprese rischiose per salvare altri scalatori in grave pericolo. Solo quattro volte in vent’anni questo premio è stato assegnato. Il mio pensiero corre alla montagna. Il Lhotse mi aspetta ancora. Jenson è vivo.

Roberto Beretta

Verano Brianza, 29 giugno 2011

 :roll:   CUORE 150°

Liberamente ispirato al racconto “Valor civile”, racconto mensile, Aprile, Cuore, E. De Amicis

ed altrettanto liberamente al fallito tentativo della traversata Lhohse-Everest di Simone Moro e Denis Urubko (2001), durante il quale Simone è costretto a rinunciare all’ impresa a causa della fatica accumulata nel salvataggio di un alpinista inglese precipitato. Moro ricevette a Parigi, dalle mani del segretario dell Nazioni Unite Kofi Annan, il prestigioso premio “David A. Sowles Award”, istituito nel 1981 dall’ American Alpine Association, per questo salvataggio compiuto in condizioni estreme a 8000 metri senza ossigeno, per aver in ciò rischiato la propria vita rinunciando alla conquista della cima. Per aver anteposto l’altro alla realizzazione di un personale progetto. Nel dicembre 2002 ha ricevuto la Medaglia d’oro al valor civile, onorificenza della Presidenza della Repubblica Italiana.

http://www.quirinale.it/elementi/DettaglioOnorificenze.aspx?decorato=97730

____________________________________________________________________

Leggi il racconto su wikisource, clicca qui sotto:

http://it.wikisource.org/wiki/Cuore/Aprile/Valor_civile

Cuore torna mercoledì prossimo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>