Re Vittorio Emanuele

(dal diario di una bambina e di un papà modenese, venerdì 4 maggio 1860)

E’ una limpida e calda mattinata di maggio, il cielo azzurro, nella piazza c’ è animazione fin dalle prime ore del giorno. La notizia che il re Vittorio Emanuele è giunto a Modena ha entusiasmato tutta la città. Da alcuni giorni c’ è animazione per i preparativi. In casa nostra abbiamo tolto dal cassettone del comò il tricolore, che già da tempo avevamo preparato con l’ aiuto della mamma, naturalmente sotto la regia del papà che, pignolo come sempre, si era messo a calcolare le misure ed i rapporti che dovevano esserci tra le bande bianca rossa e verde.


tricolore animatoPoi abbiamo preparato decine di nuove coccarde, come quelle che un tempo la polizia ci sequestrava, di tutte le fogge, a bersaglio, a stella, a papillon, a fiocco, a bandiera, ora non c’ è più nessun limite alla fantasia perché siamo finalmente liberi. Le lunghe sere di maggio odorose, tornate dalla scuola, con ago e filo passate attorno al tavolo noi quattro insieme, perché c’ è anche mia sorella, alla luce delle candele. E ne abbiamo regalato tante anche ai nostri vicini, che non sapevano come farle. Dirimpetto alla casa di Ciro, dalle stanze del Teatro Municipale si sentivano i fiati e le voci che provavano l’ aria del canto degli italiani, che prima eravamo costretti a canticchiare sottovoce per paura degli sbirri. Le note permeavano l’ etere e gli spazi fra i palazzi della città che risuonava come una grande orchestra, così che non riuscivi più a distinguere se erano voci umane o se non era il suono, l’ essenza, l’ anima stessa della città che vibrava festosa nell’ armonia.

Poco più di un mese fa, l’ 11 ed il 12 marzo, la gente del ducato ha scelto di voler far parte del Regno di Sardegna, i miei genitori li chiamano plebiscito ed annessione, ma la sostanza è la stessa che ho detto io. C’ è stata quasi l’ unanimità, infatti solamente 231 uomini nel ducato su 108.798 preferivano stare separati dagli italiani. Il nostro duca Francesco V se n’ era andato già da un bel pezzo, l’ anno scorso è fuggito a Mantova, dopo che il re Vittorio aveva sconfitto gli austriaci ed era entrato in Milano. La Lombardia in quel momento si univa al Piemonte, gli stranieri potevano essere finalmente cacciati. Il mio primo pensiero è subito corso a Ciro Menotti. Io non l’ ho conosciuto di persona, perché quando fu ucciso non ero ancora nata, ma in casa si parlava spesso di lui con entusiasmo ed ammirazione, si diceva che sognava di fare un Italia unita, una solo regno, perché noi italiani abbiamo la stessa cultura e le stesse tradizioni. Io capivo che mio padre era soggiogato da quel giovane che con passione aveva rinunciato ad un’ esistenza agiata e benestante, ed aveva dato la propria vita per un grande ideale, e perciò egli stesso, cioè mio papà aiutato dalla mamma, si era impegnato per dare vita a quel sogno che adesso finalmente, dopo tanti anni di lotta di sofferenza e dolore, diventa realtà palpabile, qui e adesso. E io ci sono. Assieme a noi modenesi i popoli di Bologna e della Romagna, di Reggio, di Parma e Piacenza negli stessi giorni hanno scelto con il plebiscito (e insiste) di unirsi al regno di Sardegna (questa l’ ho vinta io). Poi la grande notizia. Il re, il nostro re, sarebbe venuto a visitare il popolo che l’ aveva scelto, sarà a Modena, ma visiterà anche tutta l’Emilia diventata italiana.

… continua mercoledì > “Il mio segreto”

_______________________________

Modena, 7 maggio 2011, Chiara e Roberto Beretta

__________________________________________________

Liberamente ispirato al racconto “Re Umberto”, lunedì 3 Aprile, Cuore, E. De Amicis

Leggi il racconto su wikisource, clicca qui sotto:

http://it.wikisource.org/wiki/Cuore/Aprile/Re_Umberto

_____________________________________________________________________

< “Topolino” <  > il mio segreto >

 :roll:  CUORE 150°

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>