L’araba fenice

La malattia COVID-19 è altamente contagiosa. Tutti abbiamo la responsabilità di ridurne la diffusione adottando semplici precauzioni. Dobbiamo proteggere noi stessi e chi ci circonda. Mascherina distanziamento igiene vaccino. “Facciamolo per noi e per i nostri cari”. E’ iniziata ieri in tutta Europa la campagna di vaccinazione contro il coronavirus. Il 27 dicembre 2020 è stato battezzato V-day, Vaccine-day. A dieci mesi di distanza dalla segnalazione del primo caso a Codogno questo risultato sarebbe stato certo impossibile senza il lavoro congiunto dei ricercatori, delle case farmaceutiche, degli stati e della commissione europea. Dopo un iniziale tentativo degli stati membri dell’unione di agire individualmente, l’Europa si è mossa collegialmente e si è adoperata al fine di pervenire in tempi brevissimi ad un vaccino sicuro ed efficace, universale, assicurando nel contempo a tutte le nazioni europee volumi di vaccino adeguati. Sono state evitate dannose competizioni fra stati inaugurando una stagione di sinergie e di solidarietà. La scelta di iniziare la campagna vaccinale nel medesimo giorno testimonia simbolicamente il lavoro fatto in comune. E segna il punto di passaggio da un periodo di crisi, di separazione, di scontento, culminata con la Brexit, a una fase propositiva, progettuale, unitaria, comunitaria, solidaristica. Oggi l’Europa risorge dalle sue ceneri, come l’araba fenice, resiliente, unita davanti all’emergenza pandemica. Il Vaccine-day è la rinascita della fiducia nella ragione, nella scienza, nella medicina, nell’uomo, e nella comunità di popoli che è questa Europa. Dopo l’imminente uscita di scena di Trump e il Next Generation EU, il V-day rappresenta una nuova cocente sconfitta per sovranismi e populismi.  Come sembra lontano quell’altro V-day di quindici anni fa più o meno, omonimo per paradosso o per scherzo del destino, quel V-day dei vaffa, cui è seguito con breve passo il fenomeno novax, e che ci ha fatto toccare il fondo con il disarmante “ritengo che dieci vaccini obbligatori siano inutili e in parecchi casi pericolosi se non dannosi” di un ministro della repubblica italiana!

       159° Unità d’Italia, 28 dicembre 2020, Beretta Roberto Claudio       

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>