Claudio Abbado

LA CULTURA ARRICCHISCE.

Claudio Abbado era malato da molto tempo. E’ morto oggi nella sua casa di Bologna. Riservato, sereno, sempre dalla parte della cultura, della musica, dei più deboli e degli ultimi. 😯 Nella sua vita ha diretto le più prestigiose istituzioni musicali del mondo: direttore musicale della Scala e della Staatsoper di Vienna, successore del maestro von Karajan alla guida dei Berliner Philarmoniker. Abbado si è battuto per la divulgazione e la conoscenza della musica soprattutto fra le categorie socialmente più sfortunate ed emarginate.

┬áSi è impegnato per la valorizzazione di giovani talenti, anche attraverso la creazione di nuove orchestre. Ultima creatura, nella città di Bologna, l’Orchestra Mozart, che proprio l’11 gennaio ha sospeso temporaneamente le attività a causa di difficoltà economiche e l’indisposizione del maestro. Abbado credeva che l’educazione musicale fosse strumento fondamentale per lo sviluppo della persona e la qualità del vivere civile, e che incentivando la cultura, il nostro paese potesse guardare con maggiore fiducia al futuro. Per questi motivi riteneva ingiustificati e deprecabili i tagli alla cultura in nome della crisi, e si opponeva all’insensibilità di governi e governanti in materia (con la cultura non si mangia). E’ nota anche la sua attenzione alle problematiche ambientaliste. Nominato senatore a vita da Giorgio Napolitano per altissimi meriti artistici, Abbado aveva destinato l’indennità di senatore alla scuola musicale di Fiesole. (r.b.)

L’orchestra Filarmonica della Scala, lunedì 27 gennaio, alle 18, eseguirà la Marcia funebre dall’Eroica di Beethoven in memoria di Claudio Abbado. L’esecuzione, con sala vuota e porte aperte, sarà diretta da Daniel Barenboim, direttore musicale della Scala.

 

Per ricordarlo:

 

J.S. Bach, Concerti Branderburghesi, Orchestra Mozart, direttore Claudio Abbado


_______________________________

152° Unità d’Italia, 20 gennaio 2014, Beretta Roberto Claudio

_________________________________________

musica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>