Vite parallele

Un campione di coerenza e di coraggio quel Civati uscito dal PD. Una scelta per il momento isolata. Sarebbe stato forse più comodo continuare a stare con il vincitore di turno, a prezzo di rinunciare alla propria autonomia e tradire gli elettori. Pippo no, si è stufato di fare da sgabello al più forte. Non se l’è più sentita di continuare a votare in difformità al programma elettorale del suo partito, contro gli impegni presi con gli elettori. Né di votare pasticciate riforme costituzionali, antidemocratiche leggi elettorali, né di supportare l’uomo solo al comando, gli avversari di sempre diventati alleati di governo, la metamorfosi di un partito che si va trasformando in un chimerico partito della nazione. Uguale decisione è stata presa da Raffele Fitto, che ha lasciato Forza Italia. Colpevole di lesa maestà, contrario anch’egli alle larghe intese, preoccupato dalla perdita di milioni di voti, sostenitore delle primarie per una via democratica nel partito, retto da un ottuagenario senza alcun futuro politico. Nella loro drammatica scelta, è stato determinante per il primo la coerenza con le idee, per il secondo la ragione politica. Saranno condannati entrambi ad un ruolo marginale, come “gufano” i rispettivi leader, se non addirittura a scomparire dal panorama politico? E’ meglio vincere o non contare nulla? chiede il capo. La risposta è che non vogliamo politici capaci di vincere le elezioni, ma persone che ricercano il bene comune mettendosi al servizio della gente. Vincere non conta nulla per il buon politico. Il buon politico non è prepotente, arrogante, vanitoso, decisionista, ma invece è onesto, coerente, umile, dialogante. Forse il ritratto assomiglia di più ai due ribelli.

_____________________________

154° Unità d’Italia, 20 maggio 2015, Beretta Roberto Claudio

________________________________

politica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>