Crippa raddoppia

(r.b., Il campetto dell’oratorio, 4). Le panchine all’ombra dei pioppi sono fucine di zattere intrecciate con i bastoncini dei ghiaccioli. I Crippa sono parenti di don Riccardo ed hanno l’esclusiva per la vendita dei gelati all’oratorio. Una volta il parroco aveva portato i ragazzi in gita a visitare la fabbrica, credo a Missaglia. Alla fine avevano regalato a ciascuno un cono gelato. Il bello dei ghiaccioli Crippa è il bastoncino con la scritta Crippa appunto, in bella vista, di un bel carattere corsivo, ambrato, che accompagna una altra magica parola nascosta dal ghiaccio zuccherino colorato, del medesimo stile, una terza persona singolare presente indicativo (ora e reale) di un verbo che è tanto amato, una scritta che non sempre c’è, 😛 ma pur di tanto in tanto al fortunato bambino appare, nell’atto del mordicchiare il ghiaccio, oppure traspare nel succhiare lo sciroppo, sull’estremità invisibile del bastoncino, una parola che si pu├▓ leggere solo dalla fine e per cui basta a comprenderne pienamente il significato la sola apparizione dell’ultima lettera, l’omega ┬á”a”, alfa dell’iniziale pleonastica inutile “r”, la mitica “a” di “raddoppia”. Crippa raddoppia. Che gioia ! che felicità ! Corri al bar con il bastoncino stretto nella mano alzata ed ostentata (questo serve a suscitare l’invidia generale, cosa che fa raddoppiare anche la soddisfazione), e ti danno un altro bel ghiacciolo. Come sono buoni questi Crippa. Una volta è successo che si è realizzato un impossibile uno-due, un doppio “cripparaddoppia”! Nessuno all’inizio ci voleva credere e si pensava ad uno scherzo, ma davanti all’evidenza gli altri bambini si erano convinti che la cosa migliore era di fare buon viso a cattivo gioco e di comprare subito un altro ghiacciolo Crippa. Con questa inflazione di cripparaddoppia !

┬áIl campetto dell’oratorio, continua mercoledì prossimo

:roll: gli episodi precedenti

________________________________________

152° Unità d’Italia, Beretta Roberto Claudio, 19 giugno 2013

________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>