Via Sergio Corazzini

Sergio_Corazzini

Sventurata parabola la vita del crepuscolare Sergio Corazzini (1886 – 1907), poeta romano del primo novecento. Per l’impossibilità della famiglia di pagare la retta al collegio, a motivo delle perdite finanziarie seguite a speculazioni di borsa ed alle abitudini libertine del padre, il giovane Sergio fu costretto a lasciare gli studi prima di accedere al liceo, e a cercare lavoro per aiutare la famiglia nel sostentamento. Nè furono soltanto le difficoltà economiche ad angustiare il poeta, ma a queste si aggiunse anche una grave malattia, la tubercolosi, che aveva colpito la madre, un fratello ed egli stesso. Da una vita agiata e felice Corazzini si trovò in una condizione di disperazione e di lutto, nella povertà, nella malattia, privato dello studio, senza prospettive per il futuro. Al punto da fargli dire melanconicamente: «Tutta la dolce, rassegnata tristezza della mia vita è in un pensiero di morte». Morte che lo coglierà giovanissimo all’età di 21 anni nella sua casa a Roma, dopo alcuni soggiorni in sanatori causati dal peggioramento della malattia. Poeta crepuscolare, nei suoi versi egli esprime uno struggente desiderio di vita negata dalla tisi e dalla povertà, contrapposto ad un malinconico e nostalgico ritrarsi da un’esistenza per lui senza futuro.

__________________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 3 dicembre 2012, Beretta Roberto

______________________________________________________

 :roll:  strade italiane

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>