Via Emilio Lussu

emilio lussuUomo politico e scrittore, nacque il 4 dicembre del 1880 ad Armungia, comune montano della Sardegna. Studiò a Roma, a Torino, ed all’università di Cagliari, dove si laureò in diritto. Interventista ed ufficiale di complemento nella Grande Guerra, nel quale fu decorato al valor militare. Congedato con il grado di capitano della Brigata Sassari, costituita per lo più da contadini e pastori sardi. Le vicende drammatiche del primo conflitto mondiale, raccontate nel libro Un anno sull’altipiano, dove convivono la ribellione alla guerra vista come inutile strage di masse di contadini analfabeti sottoposte a cieca disciplina ed usate dal potere delle classi dirigenti per i propri fini, e l’etica del dovere del soldato, cambiarono radicalmente le sue convinzioni politiche. Nel dopoguerra egli si trovò ancora in mezzo ai suoi soldati, ridiventati nella vita contadini ed operai. Fondò così il Partito Sardo d’Azione, formazione autonomista e federalista composta in gran parte di ex combattenti, che coinvolse contadini e pastori sardi nella lotta per la ridistribuzione delle terre e dei pascoli, contro i ricchi possidenti agrari ed i partiti politici che li sostenevano. In rappresentanza di queste classi sociali fu deputato al parlamento nei primi anni venti. Antifascista, dopo il delitto Matteotti, partecipò alla secessione aventiniana. Più volte fisicamente colpito, fu arrestato nel ’26 per l’uccisione di uno squadrista penetrato insieme ad alti camerati nella sua casa, e fu deportato a Lipari. Di qui evase tre anni dopo con Nitti e Rosselli, insieme ai quali fondò a Parigi il movimento Giustizia e Libertà. Partecipò alla guerra di Spagna ed alla Resistenza in Francia e poi in Italia, a Roma. Fu ministro per l’Assistenza Postbellica nel governo Parri e per i rapporti con la Consulta nel primo governo De Gasperi. Fu deputato alla Costituente per il Partito Sardo d’Azione e poi aderì al PSI; senatore nel ’48, conservò il seggio fino al ’68. Morì a Roma il 5 marzo 1975. Personalità complessa e rivoluzionaria, Lussu si schierò sempre dalla parte degli ultimi, lottando per migliorarne le condizioni economiche e sociali, opponendosi alla dittatura fascista, e credendo nella trasformazione federalista dello Stato.

____________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 5 novembre 2012, Beretta Roberto

____________________________________________________

 :roll:  strade italiane

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>