Houston …. questo pianeta ha un problema

Avevamo proprio bisogno di una adolescente quindicenne per suonare la sveglia al mondo intero diretto col vento in poppa ed a vele spiegate verso l’apocalisse climatica. “We’re on a planet that has a problem”. Oggi è il giorno della speranza. I giovani sono scesi in piazza. Manifestazioni in tutto il mondo. In Italia un milione di studenti. Hanno finalmente preso l’iniziativa ed esigono anche loro il bel pianeta che i padri hanno ereditato e  conosciuto, ma stanno passivamente distruggendo. Oggi è il giorno dell’ entusiasmo. L’entusiasmo che infonde una canzone della nostra giovinezza, “Bella ciao”, rigenerata nel testo nei sogni nelle sfide. A qualcuno certamente si rizzeranno i capelli in testa. Il clima è di sinistra, parola di Giorgio Gaber. Allora fu l’anelito della libertà negata e la determinazione di liberazione dall’oppressore a spingere il popolo alla lotta armata, ora è un anelito di sopravvivenza e la volontà di liberazione dal pericolo mortale per ogni specie vivente ed ogni vita umana, la visione di un pianeta morente, che spinge urgentemente a ribellarsi all’oppressione del nostro modello di sviluppo. Ai nuovi partigiani non viene però chiesto di esser pronti a morire per la libertà, ma qualcosa di più subbdolo e forse di impossibile: di rinunciare al superfluo per l’essenziale. Adesso non si tratta di scegliere di vivere in un regime o di morire sognando la libertà, si tratta al contrario di scegliere fra il vivere in semplicità e gioia rispettando i ritmi della natura e godendo dei suoi doni, a cominciare dalla vita, o di morire allegramente per la pancia che scoppia per il troppo mangiare. Cambiare il nostro modo di vivere.  Ma siamo pronti ? Tramontate le ore dei propositi delle canzoni dell’entusiasmo delle piazze piene, sopravvivere al clima significa cambiare da questo stesso momento le nostre abitudini. Perdita di tempo ed illusione sarebbe l’attendere le decisioni dei governi. Gli accordi internazionali sul clima al momento sono pannicelli, ovviamente caldi. Per mancate adesioni, per defezioni, per la lentezza e l’insufficienza delle misure adottate, per i costi del cambiamento, per gli interessi economici, per la mancanza di controlli e, bisogna riconoscere, non ultimo per le difficoltà dei governi di far accettare politiche antiriscaldamento climatico a popolazioni restie a sacrifici immediati per un futuro migliore ma lontano. Non resta altri che noi. La scelta è personale. I partigiani non sono diventati tali su incentivi del governo. Il nemico è davanti a casa nostra. Aspettare i soccorsi potrebbe essere troppo tardi. “We need to wise up, and do it right now”.

_______________________________

157° Unità d’Italia, 15 marzo 2019, Beretta Roberto Claudio

__________________________________________________________

Sing for the climate

We need to wise up
We need to open our eyes
And do it now now now
We need to build a better future
And we need to start right now

We’re on a planet
That has a problem
We’ve got to solve it, get involved
And do it now now now
We need to build a better future
And we need to start right now

Make it greener
Make it cleaner
Make it last, make it fast
and do it now now now
We need to build a better future
And we need to start right now

No point in waiting
Or hesitating
We must get wise, take no more lies
And do it now now now
We need to build a better future
And we need to start right now

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>