Shock elettorale

La sinistra è riuscita anche questa volta a non vincere le elezioni nonostante la sua coalizione abbia preso il maggior numero di voti alla Camera ed al Senato, sia pure per una manciata di consensi (124 e 283 mila rispettivamente). Mario Monti ed il centro non hanno convinto. La coalizione di destra ha raggiunto il suo obbiettivo, che era il pareggio e l’ingovernabilità. La lega ha conquistato la Lombardia. Il vincitore delle elezioni è Beppe Grillo e il suo movimento di cittadini. Il Movimento 5 stelle è risultato il primo partito alla Camera (8 milioni e settecentomila voti). Questi italiani hanno fatto sapere di essere stufi dei vecchi partiti e delle stesse logore facce di bronzo, e di volere riformare la vita politica aprendo alla partecipazione diretta dei cittadini alla cosa pubblica. Si pu├▓ chiamare questa antipolitica?

😯 La distribuzione dei seggi secondo la legge elettorale vigente, assegna la maggioranza assoluta dei seggi alla Camera dei Deputati alla sinistra. Non così al Senato (il porcellum ha colpito ancora, fermando per la seconda volta “le sinistre”), dove i seggi sono così distribuiti: destra 116, sinistra 113, grillo 54, monti 18. E’ questo il pareggio per cui si è battuta la destra. Che regala l’ingovernabilità al paese. Monti è fuori gioco perché non ha i numeri, i suoi voti infatti sommati a quelli della sinistra non fanno la maggioranza, ┬áed inoltre salendo in politica e schierandosi per una fazione, sporcandosi per così dire le mani, si è precluso la possibilità di guidare un governo di salvezza nazionale, e non essendo più super partes ha perso anche la corsa per il Quirinale. Credo che tornerà a fare il professore alla Bocconi. La destra spinge per la “Grosse Koalition”. Ipotesi impraticabile, perché gli schieramenti non hanno alcun punto in comune, sono antitetici, se ne sono dette di tutti i colori in campagna elettorale tagliando i presupposti per un dialogo leale e costruttivo, hanno convissuto nel governo Monti che uno di loro ha fatto cadere dopo averlo fortemente criticato. Tale governo sarebbe giudicato dal paese come una restaurazione dei vecchi partiti, come “il teatrino della politica” per usare le parole di uno di loro che contesta il metodo ma poi lo pratica, e spianerebbe la strada ad inevitabili elezioni plebiscitarie per il movimento di Grillo. La possibilità della Grande coalizione non è per├▓ nemmeno da escludersi del tutto, nel caso che il leader della destra non baratti la sua elezione al Quirinale con la promessa dell’appoggio dei suoi senatori a tale governo, e la sinistra ci potrebbe anche cascare.

La matematica lascia spazio alla fantasia politica fornendo la possibilità di un’alleanza sinistra-grillini, a quota 167 al Senato, risicata, ma sufficiente per governare. Richiede naturalmente un’assunzione di responsabilità da parte di Grillo, che potrebbe essere tentato di rifiutare e far saltare subito il banco lasciando nella guazza la sinistra e costringendo il paese a nuove immediate elezioni. Il movimento 5 stelle è un incognita assoluta, ma è un movimento di cittadini stufi sì dei partiti e dei politici attuali e pregressi, ma desiderosi di fare politica in prima persona per cambiare e migliorare il paese. Bisogna dare fiducia ai grillini, che rappresentano la novità storica di queste elezioni. Quale occasione migliore di questa di incidere sulla vita politica, finalmente cittadini protagonisti per cambiare il volto del paese e licenziare definitivamente la vecchia politica? A che pro dunque non governare avendone la possibilità? E’ possibile un governo di scopo con l’aiuto dei cinque stelle che vari un pacchetto minimo di leggi al fine di rinnovare la classe politica e dare nuova linfa alla vita democratica? La parola d’ordine di Grillo non è forse “arrendetevi!” ? Per costringerli effettivamente alla resa bisogna varare le seguenti poche leggi indispensabili ed urgentissime: incandidabilità, legge elettorale, due mandati, riduzione del numero dei parlamentari, riduzione dello stipendio dei politici, conflitto di interesse, legge anticorruzione, falso in bilancio, riforma della rai, abolizione dei monpoli televisivi, riforma della giustizia, abolizione delle province. Un anno di tempo per tornare al voto rinnovando definitivamente il parlamento.

┬áSu questa soluzione pende la spada di Damocle delle cancellerie estere e dei mercati, la credibilità dell’Italia con un governo Bersani-Grillo sarebbe prossima allo zero, se non fosse accompagnata da un presa di responsabilità chiara, responsabile e decisa da parte di Grillo, soprattutto in tema di permanenza nell’euro, di fedeltà alla’Europa, di attuazione degli impegni presi dal governo Monti. Se così non fosse non osiamo immaginare gli scenari futuri.

Due ultime osservazioni. Il capo della destra ha ottenuto il pareggio e reso ingovernabile il paese esponendolo al disastro istituzionale e finanziario. Ma per fortuna non ha ottenuto i numeri, la stoffa già non l’aveva, per fare il presidente della repubblica. Questo massimo pericolo, che avrebbe sancito ufficialmente l’ingresso della nostra democrazia nel consesso delle repubbliche delle banane, è stato per il momento scongiurato. La lega, con il suo insignificante, a confronto con l’entità numerica della sinistra e di Grillo, e pure della destra, miserrimo quattro per cento elettorale, forte del governo regionale lombardo (se oggi lo conquisterà, come tutto lo fa credere) e della tripletta di governatori del nord, spingerà l’acceleratore sulla secessione facendo credere che il nord la vuole (poco più di un milione di voti su 43 milioni di italiani), e rivendicando che il 75% delle tasse rimangano al nord. La nuova legge elettorale dovrà mettere fine una volta per tutte a queste spinte centrifughe imponendo che forze che hanno nel loro statuto la secessione dall’Italia, e che quindi non riconoscono la costituzione e le istituzione italiane, non possano partecipare alle competizioni elettorale né tantomeno entrare a far parte delle assemblee nazionali né locali.

____________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 26 febbraio 2012, Beretta Roberto Claudio

__________________________________________________

Attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>