Dalla parte dei giudici

Giudici nuovamente sotto attacco dopo la sentenza di primo grado pronunciata dal tribunale di Milano su un reato di concussione e prostituzione minorile, che ha inflitto all’accusato una condanna a sette anni di carcere e l’interdizione perpetua ai pubblici uffici. Continua l’azione eversiva di chi si pone contro le istituzioni democratiche. Impegnato a distruggere senza scrupoli la Costituzione repubblicana e di conseguenza a mettere in pericolo la vita di sessanta milioni di persone, per consumare una vendetta personale contro i giudici colpevoli di averlo giudicato. I magistrati, pur nella limitatezza della natura umana, applicano la legge con compostezza e serenità, come chi ha di fronte non nemici o avversari da sconfiggere, ma cittadini che attendono che le leggi siano rispettate, e da tutti senza distinzione, 😐 e chiedono di essere protetti dall’illegalità con processi brevi e pene certe. I giudici non emettono sentenze politiche, né intendono eliminare chicchessia dalla vita politica. Tutti siamo uguali davanti alla legge. I magistrati operano invece in questi anni in un clima crescente di intimidazione e di isolamento, che cresce e si nutre di insulti, di minacce verbali, e fisiche, di irrisioni, di volgarità, da parte di una lobby politico-mediatica degenerata che cerca di sottrarsi con ogni mezzo al controllo democratico, al fine di mantenere le proprie posizioni di privilegio con e nell’illegalità. Preoccupa molto che siano state poche le voci levate in difesa della magistratura e dei magistrati. Cittadiniditalia vuole essere, ed è, una di queste. Quando le istituzioni dello Stato sono minacciate, attaccate, vilipese, la democrazia è in grande pericolo. Non giriamo la testa, non siamo indifferenti. Facciamo sentire la nostra voce. Prima che sia troppo tardi. O forse già lo è.

____________________________________

152° Unità d’Italia, 29 giugno 2013, Beretta Roberto Claudio

_______________________________________________

attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>