L’ Italia s’è desta

L’ entusiasmo, il desiderio di cambiamento, la voglia di partecipazione attiva alla vita pubblica, hanno contrassegnato questo duplice turno di elezioni amministrative, e con il viatico di grandi numeri. Ha vinto il senso di responsabilità, la voglia di far politica con onestà, di impegnarsi in prima persona. Ha vinto l’ atteggiamento del confronto, il desiderio di partecipazione attiva alla vita pubblica, la volontà di rinnovamento della classe politica. I cittadini hanno risposto all’ insulto con il sorriso. Hanno anteposto il rispetto della legge alla promessa dell’ illegalità e dell’ impunità. Hanno voluto ricordare che la legge è uguale per tutti.Hanno detto no alla criminalità. Hanno ignorato mediocri e meschine promesse corporative. Hanno rifiutato il voto di scambio. Hanno rifiutato nauseati lo scontro, l’ insulto, la volgarità, le barzellette, le eterne promesse, le calunnie, le menzogne, la falsità, la corruzione, la divisione, la confusione, la paura del diverso, la denigrazione dell’ avversario politico, la macchina del fango.

Nè è stata estranea alla rinascita di una coscienza civile sempre più palpabile nel quotidiano, l’ opera costante faticosa e lenta di coloro che lavorano a tutti i livelli per le celebrazioni dell’ anniversario del 150° dell’ Unità d’ Italia, che ha portato a conoscere e riflettere sulla comune appartenenza alla nazione, ed a maturare un sentimento di identità nazionale. Di questa ritrovata identità ne è colorata dimostrazione il moltiplicarsi delle bandiere tricolori affacciate a balconi davanzali finestre muri palazzi torri scuole luoghi istituzionali delle nostre città, ed ancora nelle attività commerciali supermercati negozi fabbriche luoghi di lavoro, negli spot pubblicitari in TV libri mostre convegni. L’ affaccio della bandiera tricolore sia simbolo esteriore di un rinato sentimento di appartenenza, dell’ assunzione di responsabilità e di impegno civile, di augurio per il progresso e per il bene comune.

Modena, 31 maggio 2011

Beretta Roberto

____________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>