Va pensiero sull’ali dorate

(Giuseppe Verdi, Nabucco, atto III)

Metafora dell’Italia risorgimentale che sognava unità ed indipendenza, è diventato inno universale dei popoli oppressi dalla schiavitù che anelano alla libertà, realizzabile in una patria lontana.

Canto amaro per gli italiani contemporanei, ancora schiavi senza saperlo, e definitivamente privati della patria, nel senso che la patria, che essi non ricordano e non sognano, non esiste proprio più. “Oh mia patria sì bella e perduta!”. Non sanno infatti gli attuali esuli che nel frattempo i clivi e i colli sono stati imbruttiti da cemento asfalto e rifiuti, che il suolo natale è stato quasi tutto consumato, che le aure dolci sono diventate atmosfere irrespirabili di polveri, e i profumi mutati in miasmi cancerogeni. Così come tace l’arpa dei fatidici vati, ammutolita dal frastuono e dal chiacchiericcio malevolo e inconcludente, da slogan e cinguettii, da corruzione, illegalità, clientelismo, inciviltà. Arpa incapace di riaccendere memorie, di ricordare la storia, di generare cultura, di produrre melodie che infondano virtù. E se provassimo a rispondere all’invito del maestro Muti?

(Nabucco, atto III, scena quarta, Riccardo Muti, Coro del Teatro dell’Opera di Roma, 2011)

Va, pensiero, sull’ali dorate;
Va, ti posa sui clivi, sui colli,
Ove olezzano tepide e molli
L’aure dolci del suolo natal!

Del Giordano le rive saluta,
Di Sionne le torri atterrate…
Oh mia patria si bella e perduta!
O membranza sì cara e fatal!

Arpa d’or dei fatidici vati,
Perché muta dal salice pendi?
Le memorie nel petto raccendi,
Ci favella del tempo che fu!

O simile di Solima ai fati
Traggi un suono di crudo lamento,
O t’ispiri il Signore un concento
Che ne infonda al patire virtù!

____________________________

154° Unità d’Italia, 21 marz0 2015, Beretta Roberto Claudio

____________________________________

 :roll:    SABATO ALL’OPERA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>