Corso duomo pedonale

corso duomoDiventerà pedonale, parola di sindaco, corso Duomo a Modena. Dunque forse. I lavori di sostituzione dell’asfalto con elementi di selce, lastre di granito e  ciottoli di fiume sono in dirittura d’arrivo. Lo stesso accade in piazza Roma, davanti Palazzo Ducale, che cesserà di essere deposito di auto. Chi ha frequentato questi spazi cittadini, ha potuto rendersi conto dell’incommensurabile bellezza e della sensazione di libertà che ispirano questi luoghi restituiti alla città. I monumenti sembrano più maestosi, più grandi, più belli, più luminosi, significanti e significativi. Lo sguardo avverte la presenza dei palazzi che ornano i perimetri, ne abbraccia la prospettiva, i colori vivaci. Silenzio attorno, si odono voci umane, l’aria è pulita. E’ gioioso poter camminare in ogni direzione, secondo l’impulso del momento, liberi, passeggiare avanti e indietro, cambiare verso (!), fermarsi nel bel mezzo, alzare lo sguardo su una scultura, un’iscrizione, un pinnacolo, una balaustra, verso il cielo azzurro. Osservare passanti, gruppi, coppiette, andature, look stravaganti, scarpe con tacchi a spillo, divise. Manifestare. Mangiare un gelato. Incrociare sguardi, indovinare pensieri, sperare incontri, riconoscere, sorprendersi, chiacchierare, ritrovare l’umanità. Il cittadino, nel significato di abitante della città, è riportato al centro della scena, richiamato da marginali stenotici marciapiedi o da imprese slalomistiche fra automobili parcheggiate dappertutto o in pericoloso frenetico transito. E’ arrivato il momento di ripensare le città. Di restituirle agli uomini. Da ambienti disumanizzati devono diventare luoghi di incontro e di appartenenza, dove fioriscono relazioni, vitalità culturale, crescita comunitaria, scambi commerciali, festivals, dove trovano possibilità di espressione il gioco e il tempo libero, l’arte, la musica, dove è ricchezza il turismo. Per ottenere questo bisogna avere il coraggio di pedonalizzare ed investire in spazi verdi, piste ciclabili, formazione di eventi, eliminare depositi di automobili, migliorare la qualità dell’aria, sconfiggere la perdita di identità, recuperare il senso di appartenenza. L’impresa è ardua, ci sono difficoltà oggettive e problemi da superare. E tuttavia bisogna decidere. (r.b.)

__________ 154° Unità d’Italia, 25 maggio 2015 ___________

Beretta Roberto Claudio

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>