Ultima lettera dal Don

ziofrancesco
L’ultima lettera di mio zio Francesco, spedita a mia zia Rosa, il 16 dicembre 1942, il giorno stesso in cui i russi sferravano l’offensiva Piccolo Saturno (la seconda battaglia difensiva del Don) contro le divisioni dell’Armir sul medio Don.

ultima lettera zio pag1“16-12-42 Cara sorella dopo un po’ di giorni che non avevo vostre notizie ieri ricevetti due lettere una del 29-11 e l’altra 2-12 la quale conteneva una busta ed un foglio meno male che hai pensato di metterlo altrimenti non potevo scriverti. Rosa devo chiederti un favore guarda che le raccomandate sono aperte quindi cerca di fare il possibile di spedirmi della carta da scrivere e delle cartine postali che non ne o più e quando mi scrivete non spedite la posta per via erea che non viene più per per via erea (ai capito) in quanto alla roba di lana non spedirmi più niente che ne ho molta o due passamontagna e due paia di guanti ecc. Quindi non conviene più spedirmi ancora della roba di lana perché allora che la ricevo non fanno più bisogno se vuoi spedisci sigarette e carta da scrivere. Ora la mia salute è ottima e così┬á spero anche di voi termino con lasciarvi i miei saluti a tutti e augurandovi sempre buone feste Natalizie. Vi ricordo sempre. Francesco. Che si beve quest’anno per le feste Natalizie?  (Acqua del Don)”

Non sappiamo cosa scrivesse la zia Rosa a suo fratello nelle due lettere citate, ma possiamo immaginare l’occhio nascosto della censura che scruta e si appropriaultima lettera zio pag2 delle povere vite dei soldati e dei familiari per orientarne i sentimenti e le opinioni. Un tono deciso e perentorio caratterizza la prima parte della lettera, che rivela un certo nervosismo e tensione, ben lontano dallo stile delle precedenti lettere colme di ideali, di audace fiducia in sè, di spensieratezza giovanile. Nei saluti finali ricompare l’immagine del soldato partito a far la guerra che vuole rassicurare chi è rimasto a casa, ma l’augurio di buone feste sancisce la fattuale separazione dalla famiglia lontana ed irraggiungibile, e subito dopo, in quel presago “vi ricordo sempre “, rivela lo struggente desiderio degli affetti familiari ed il presentimento di ciò che il destino gli ha preparato per il vicino Natale. Abbandonata la riflessione sul difficile momento, il carattere spiritoso e gioviale, assieme ad una buona dose di spensieratezza e guasconeria, prorompe però nel post-scriptum con lo schizzo di fiaschi di vino vuoti e la battuta sull’acqua del Don.

Francesco sarà fatto prigioniero nei giorni successivi, proprio nelle feste Natalizie, durante il ripiegamento della Divisione Sforzesca (blocco sud). Internato nel campo di prigionia di Taliza (Russia), morirà di stenti in primavera.

_____________________________

Modena, 19 dicembre 2011, Beretta Roberto

____________________________________

La campagna di Russia 1941/1943

< la Divisione Sforzescala ritirata degli alpini >

4 pensieri su “Ultima lettera dal Don

  1. Sono 80/enne figlio di un disperso sul don proprio nel dicembre de 42.
    Avendo vissuto 3 mesi fa un bellissimo fatto collegato alla scomparsa di mio padre, che potrei benissimo mettervi al corrente, questo evento mi ha risvegliato la nostalgia degli eventi che avrebbero coinvolto mio padre.
    In particolare vi sarei grato se potreste darmi i titoli di scritti in cui compare la presenza nelle battaglie del 3° bersaglieri cui apparteneva mio Padre, se fosse possibile anche dove reperirli.
    Nel salutarvi ringraziandovi rinnovo la promessa se lo ritenete necessario e utila di raccontarvi quell’evento che vi dicevo prima, roba da romanzo.
    Cordialmente Ivo Odorizzi
    Milano

    • Mi piacerebbe molto sentire la vicenda di suo padre. Per le notizie del 3° bersaglieri mi informo presso un carissimo amico e poi le faccio sapere. Roberto Claudio Beretta.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>