Groningen (Olanda)

Abbiamo visto città e campagne sott’acqua, frane, smottamenti. Le cause sono facilmente individuabili nell’aumento della temperatura del pianeta secondario alla produzione di gas serra unita al dissesto idrogeologico provocato dall’incuria dell’uomo. 😯 Un ambizioso piano europeo, l”Energy road map 2050″ si prefigge la riduzione dell’80% delle emissioni europee di anidride carbonica entro il 2050, al fine di evitare l’aumento di 2òC della temperatura della terra rispetto ai valori preindustriali, da ottenersi attraverso il miglioramento dell’efficienza energetica, l’aumento della produzione di energia da fonti rinnovabili, l’adattamento del territorio alle mutate condizioni climatiche. La sfida appare un’utopia, poichè i cambiamenti climatici corrono più velocemente degli adattamenti messi in campo dalle comunità. Tuttavia, le città del nord-europa, secondo una ricerca cui hanno partecipato anche ricercatori del CNR, hanno preso sul serio la sfida e sono le più attive nel raggiungimento dell’obiettivo. Fra queste Gronigen, nei Paesi Bassi, si propone di tagliare il traguardo nel 2025, con largo anticipo, attraverso l’incremento delle rinnovabili, la piantumazione di nuove aree a verde, limitazioni del traffico nel centro urbano , potenziamento del trasporto pubblico, ampliamento della già estesa rete di percorsi ciclabili e pedonabili, colonnine per ricarica elettrica di auto motorini e bici elettriche, politiche per il miglioramento dell’efficienza energetica della casa. L’Italia purtroppo è tra gli ultimi della classe.

____________________________

152° Unità d’Italia, 18 febbraio 2014, Beretta Roberto Claudio

___________________

attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>