Libertà o dittatura

 manifesto_DC1948_02

La democrazia cristiana abbraccia la via atlantica dell’ alleanza con gli Stati Uniti, accetta il piano Marshall, si pone come estremo invalicabile baluardo contro il pericolo bolscevico, percepito come perdita della libertà civile, religiosa, di espressione, fautore di inganno e portatore di povertà. Semplificando con i soliti slogan: america = libertà e comunismo = dittatura. Alcuni temi di politica estera influenzano la campagna elettorale. Il piano Marshall più di tutti, e poi la crisi cecoslovacca, in cui fra l’ altro il ministro degli Esteri Jan Masarik, unico democratico che ha accettato di far parte del governo comunista, muore cadendo dalla finestra in circostanze misteriose, evento che viene sarcasticamente ripreso dalla propaganda che denuncia i metodi bolscevichi parlando di “defenestrazione” degli oppositori. Infine il ministro degli Esteri francese annuncia che Francia, Inghilterra e Stati Uniti appoggeranno l’ ipotesi di restituzione all’ Italia di Trieste, al tavolo delle trattative con Jugoslavia ed Unione Sovietica: e’ un altro punto a favore della via atlantica, che fa leva sul sentimento di unità nazionale.

fine capitolo nove

  :roll:  Le elezioni del 1948

___________________________

151° Unità d’Italia, Modena 14 maggio 2012, Beretta Roberto

__________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>